19 settembre 2020

pubblicato da: Redazione PetPassion

Cosa non possono mangiare i cani: cibi e relativi disturbi.

Salame, semini e omogenizzati per bambini sembrano cibi innocui per il nostro cane da non lo sono! Ecco i cibi vietati ai cani.

 

Il cibo viene usato per premiare e coccolare i cani e sembra non bastare loro mai.
Oltre al controllo del peso, fare attenzione a ciò che essi mangiano è molto importante per evitare che possano stare male ingerendo cibi che fanno male ai cani.
Scopriamo insieme cosa non possono mangiare i cani e perché.

 

Cioccolato e Cacao

Il cioccolato, non a caso, viene considerato come il cibo degli Dei. Piace, infatti, a grandi, piccini e anche ai tuoi cani!
Il cacao però contiene teobromina, alcaloide naturale che negli uomini ha una tossicità pressoché innocua mentre, per i cani può risultare tossica. Ne bastano soltanto 50 grammi per intossicare un cane di piccola taglia.

Il cioccolato e il cacao sono quindi alimenti nocivi per i cani. Come riconoscerne i disturbi causati al nostro amico pet?
Essa causa convulsioni e può portare attacchi cardiaci, emorragie interne e, nei casi peggiori, la morte.

Uva e uva sultanina
Piccola e gustosa, l’uva ha un aspetto del tutto innocuo ma in realtà rientra tra la lista dei cibi da non dare ai cani. Nella lista di cosa non possono mangiare i cani sia l’uva che l’uva passa possono causare disturbi renali. Queste possono provocare dolori addominali e perdita dell’appetito; problematiche causate anche da cipolla e aglio.

 

Lievito

Tutti i lievitati sono cibi vietati ai cani perché producono gas nell’apparato digerente e causano quindi dolore e possibile rottura dello stomaco o dell’intestino.
Il lievito può anche rilasciare etanolo, sufficiente a causare avvelenamento da alcool.

Quindi no anche alle piadine, al pandoro e ai pancake che, tra l’altro, sono pieni di zucchero.

E sì, anche quest’ultimo è molto dannoso per il nostro amico a quattro zampe.

 

Zucchero

Il cane assimila senza problemi glucosio e saccarosio mentre ha difficoltà a digerire il lattosio.
Il lattosio è uno zucchero e per essere digerito l’organismo necessita di un enzima particolare, detto lattasi.
Il cane, crescendo, produce sempre meno lattasi e questo gli impedisce di digerire latticini e prodotti caseari. Ma non solo: fra i cibi che fanno male ai cani ci sono anche merendine e biscotti.

Diarrea, aerofagia e, persino, diabete mellito sono i disturbi che questi cibi possono causare al nostro cane.

Caramelle e gomme da masticare

Nessuno è più bravo di un cane ad afferrare oggetti al volo, in particolare se piccole palline come caramelle o gomme da masticare.
Questo però è un gioco sconsigliatissimo poiché entrambe contengono xilitolo, dolcificante tossico per il nostro pet. Il rischio è che si abbassino i livelli di glucosio nel sangue, che il sistema nervoso centrale si deprima e che il cane perda coordinazione e abbia spasmi dopo 30 minuti dalla sua ingestione.

 

Macadamia

Così come per chewing gum e caramelle, anche dare da mangiare noci di macadamia al cane non è una buona idea! Questo snack rappresenta uno degli alimenti nocivi per i cani, che può risultare tossico anche in basse dosi (4-5 noci per un cane di 10 kg).
Debolezza, depressione, vomito, tremori, febbre, dolori addominali, e pallore delle mucose, sono tra i sintomi più comuni manifestati dal cane.

Scopri invece il giusto snack per il tuo cane! >>

 

Noci

Tra gli alimenti nocivi per i cani vi sono anche le noci che causano ostruzioni intestinali e, qualora ammuffite, convulsioni. È pertanto sconsigliatissimo dare noci al cane.

 

Noce moscata e semi di senape

Rientrano tra i cibi che fanno male ai cani poiché causano convulsioni, tremori, problemi al sistema nervoso centrale.

 

Cibi grassi

I cani, come noi umani, amano le pietanze saporite e…grasse! La dieta del cane non dovrebbe avere però troppi grassi. Una giusta quantità favorisce l’energia del nostro pet e lo aiuta ad assimilare vitamine e mantenere pelle e cuscinetti morbidi e interdigitali così migliora lo strato del pelo.

Troppi però non fanno per nulla bene ai cani: essi, infatti, faticano a digerire i grassi, soprattutto se cotti.  Controllare i valori nutrizionali della loro pappa serve per evitare che questi amici a 4 zampe sviluppino malattie come pancreatite e una vecchiaia precoce.

 

Sale

I cani sono particolarmente ghiotti di cibarie salate.

Questi cibi per i cani sono da evitare, soprattutto se il cane non ha acqua a disposizione per potersi dissetare.

Tra i disturbi da essi causati vi son attacchi epilettici che possono addirittura portare al come oltre che alla morte.

 

Pomodori acerbi, foglie e germogli di patata

Nella lista di cosa non possono mangiare i cani rientrano anche questi cibi, che contengono solanina, tossina che i cani non riescono a metabolizzare e che causa loro problematiche legate all’apparato digerente, tachicardia, tremori, affanno e irrequietezza.

 

Avocado

Foglie, frutto e semi, insomma tutto l’avocado contiene un principio tossico chiamato persin.
L’avocado originario del Guatemala è la varietà più tossica di tutte e non c’è bisogno di prendere un aereo per trovarlo; è infatti quello più diffuso nei supermercati!

Quale frutta possono mangiare i cani? >>

Semi e noccioli

Noccioli di mela, semi di ciliegia, pesca, albicocca e prugna contengono cianuro; questo può causare convulsioni.

Foglie di rabarbaro

Occasione più rara sarà quella di ritrovare il tuo cane intento a morsicchiare foglie di rabarbaro. Le foglie di rabarbaro sono cibi vietati ai cani in quanto causano nei pet canini convulsioni e coma.

 

Cibi che possono mangiare cani

 

Luppolo

Farinata di ceci o frittata con luppoli saltati in padella? Ottime, ma non per i cani.
I luppoli provocano nei cani difficoltà respiratorie, aumento della frequenza cardiaca, alzano la temperatura corporea e portano convulsioni.

Ah, i luppoli sono anche presenti nella birra; bevanda vietatissima anche perché contiene alcool.

 

Alcool

Il nostro amico peloso non possiede gli enzimi adatti per metabolizzare questa sostanza e, per questa ragione, rischia l’intossicazione e, quindi, vomito, diarrea, perdita della capacità motoria, difficoltà respiratorie, scompensi del sistema nervoso centrale e in alcuni casi anche coma.

 

Tabacco

Tra i vizi umani particolarmente dannosi per il cane vi è il fumo.
La nicotina, infatti, colpisce il sistema nervoso portando tachicardia, collasso, coma e, addirittura, morte.

 

Caffè

Altro vizio umano altrettanto dannoso per il tuo pet è il caffè.

L’oro nero contiene caffeina che, oltre a provocare disturbi a livello gastrointestinale, può alterare il ritmo cardiaco e, nei casi più gravi, provocare ictus.

 

Cipolle, aglio, cavoli

Queste tre piante sono da inserire nella lista dei cibi che fanno male ai cani in quanto possono causare disturbi fino al quarto giorno dalla loro ingestione da parte del cane.
Come è possibile capire se il tuo pet ha ingerito questi tre alimenti?
I più comuni disturbi da essi causati sono: vomito, diarrea, urine di colore scuro.

In casi in cui la cipolla è presente, anche in piccole dosi, nella dieta del cane, esso potrà soffrire di grave anemia.

 

Cibi avariati o scaduti

Sprecare il cibo è un peccato ma bisogna tenere a mente che i cani non devono assolvere alla funzione di svuota-frigo, soprattutto se questo contiene cibi andati a male.

Questi possono, infatti, causare problemi all’apparato gastro-intestinale, più comunemente manifestato da vomito e diarrea.

 

Scopri tutti i falsi miti sull’alimentazione del cane! >>

 

Uova crude

Così come gli umani, anche i cani possono contrarre la salmonella ingerendo uova crude.

Inoltre, gli albumi crudi contengono avidina, glicoproteina che blocca l’assimilazione della biotamina, una vitamina B; questa è indispensabile ai cani per un corretto sviluppo muscolare e osseo oltre che essere in grado di aiutarlo nel regolare correttamente il metabolismo e mantenere il pelo in salute.

 

Insaccati

Salsicce, mortadella, salame e molte altre ghiottonerie salate fanno malissimo ai cani in quanto contengono molto sale e grassi. Inoltre, il budello, che tradizionalmente avvolge gli insaccati, è spesso sostituito da un materiale plastico che è molto difficile da digerire.

Gli insaccati possono, inoltre, essere fonte di infestazione da toxoplasmosi.

 

Omogenizzati per bambini

I bambini amano condividere la loro pappa con i loro migliori amici pelosi. È però sconsigliato perché la maggior parte degli omogenizzati salati contiene polvere di cipolla come aromatizzante e, come descritto prima, la cipolla è nociva per i cani.

 

Ossa

In questo caso si intendono le ossa piccole, come quelle di pollo e coniglio, perché rischiano di spezzarsi, e quindi conficcarsi, nella gola dei cani.

Talvolta, invece, bucano addirittura lo stomaco!

Animali come il maiale e la mucca hanno ossa più grosse e questo significa meno rischi per il tuo amico a quattro zampe!

 

Scopri i cibi pericolosi per i gatti! >>

 

 

Approfondimento: Purina