16 settembre 2014

categoria: Nutrizione animali

pubblicato da: Redazione PetPassion

Condividere la propria alimentazione con il gatto di casa è una cattiva abitudine ancora abbastanza comune, anche se negli anni si è diffusa una cultura sull’alimentazione animale che ha ridotto molto i rischi per i nostri amici a quattro zampe. Vale comunque la pena ricordare quali sono i cibi da evitare  per mantenere un gatto […]

cibi-pericolori-gattoCondividere la propria alimentazione con il gatto di casa è una cattiva abitudine ancora abbastanza comune, anche se negli anni si è diffusa una cultura sull’alimentazione animale che ha ridotto molto i rischi per i nostri amici a quattro zampe.

Vale comunque la pena ricordare quali sono i cibi da evitare  per mantenere un gatto in ottima salute, ricordando che molti di questi alimenti non andrebbero somministrati neppure al proprio cane (leggi anche: Alimentazione cane: lista di cibi pericolosi e alimenti da evitare).

Cioccolato, cacao, caffè e the
Perché: caffeina, teobromina e teofillina, contenuti in questi alimenti, stimolano il sistema nervoso centrale e il cuore, inoltre non vengono ben metabolizzati dall’organismo del gatto. In particolare la teobromina può provocare intossicazione.
Disturbi: convulsioni, vomito, fino all’attacco cardiaco e nei casi peggiori, il decesso.

Uva e uva sultanina
Disturbi: causano insufficienza renale. I sintomi principali sono diarrea e mancanza d’appetito e si manifestano entro le 24 ore dall’assunzione.

Cipolla, aglio e erba cipollina
Perché: contengono solfossidi e disolfuri, composti chimici che possono danneggiare i globuli rossi.
Disturbi: l’assunzione prolungata nel tempo favorisce l’insorgere dell’anemia.

Uovo crudo
Perché: può contenere salmonella, meglio servirlo cotto e poco spesso.
Disturbi: intossicazione, fino alla pancreatite.

Ossa spolpate e/o ricoperte di grasso
Perché: le ossa sono troppo dure per i denti di un gatto e sono pericolose per l’apparato digerente; il grasso può causare problemi digestivi.
Disturbi: lacerazioni interne, ostruzioni, perforazioni e/o infezioni intestinali e soffocamento.

Latte e suoi derivati
Perchè: i gatti non sono in grado di digerire il lattosio, lo zucchero contenuto nel latte.
Disturbi: problemi digestivi, mal di pancia, diarrea.

Pesce Crudo
Perchè: l’assunzione prolungata nel tempo provoca la distruzione della tiamina, una vitamina B essenziale per la salute del gatto.
Disturbi: problemi neurologici, convulsioni e coma.

Avocado
Perché: foglie, frutto e semi contengono un principio tossico chiamato persin.
Disturbi: problemi gastrointestinali e problemi respiratori, in caso di assunzione eccessiva può provocare anche la morte.

Alcolici
Perché:hanno gli stessi effetti epatici e celebrali che hanno sull’uomo, con la differenza che sono sufficienti quantità molto minori per provocare seri disturbi.
Disturbi: possono provocare intossicazione, coma e nei casi più gravi la morte.

Caramelle e gomme
Perché: lo xilitolo, contenuto in molti di questi prodotti come dolcificante, è tossico per i gatti.
Disturbi: abbassamento livelli di glucosio nel sangue, depressione del sistema nervoso centrale, perdita di coordinazione e spasmi dopo 30 minuti dalla sua ingestione.

Fegato
Perché: in grandi quantità può causare tossicità della vitamina A, che colpisce i muscoli e le ossa, e deposito di rame nel fegato.
Disturbi: deformazione ossea, osteporosi, può portare alla morte.

Omogeneizzati per bambini
Perché: spesso negli omogeneizzati è presente la polvere di cipolla come aromatizzante, la cui minima quota può già essere responsabile di danni a livello eritrocitario.
Disturbi: vedi cipolla.

Lievito
Disturbi: può produrre gas nell’apparato digerente, causando dolore e possibile rottura dello stomaco o dell’intestino. Può anche rilasciare etanolo, sufficiente a causare avvelenamento da alcool.

E voi, quali alimenti evitate di dare al vostro gatto? Ce ne sono altri che non abbiamo inserito nella lista?
Scriveteci nei commenti e fateci sapere la vostra esperienza!

alimentazione-gatto

Potrebbe interessanrti anche…

Come nutrire il proprio gatto con la giusta quantità di cibo

L’alimentazione per il gatto, così come per tutti gli esseri viventi, è fondamentale e non solo perché permette di vivere ma anche perché influisce sulla salute dell’organismo. È quindi importante monitorare le quantità di cibo per il gatto: se il micio di casa inizia a mangiare troppo, infatti, può diventare sovrappeso. E se invece si nutre poco, può ammalarsi per altre ragioni…

» Continua a leggere l’articolo sull’alimentazione del gatto

 

CREDITS:
Fonti: Huffington PostGreenstyle e altre fonti
Foto di copertina: Alice-carra
Approfondimento: Purina ONE