26 aprile 2017

categoria: Salute, Slider

pubblicato da: Redazione PetPassion

Una fase delicata della vita del cane è la “terza età”. Quando il cane diventa anziano ha delle esigenze specifiche ed è molto più delicato di un cane adulto. Vediamo quali sono i principali problemi di comportamento del cane anziano e come è possibile risolverli con pazienza ed attenzione. Il cane cucciolo ha delle specifiche […]

Una fase delicata della vita del cane è la “terza età”. Quando il cane diventa anziano ha delle esigenze specifiche ed è molto più delicato di un cane adulto. Vediamo quali sono i principali problemi di comportamento del cane anziano e come è possibile risolverli con pazienza ed attenzione.

Il cane cucciolo ha delle specifiche esigenze, di salute e di educazione. Allo stesso modo, il cane che diventa anziano entra nelle terza età, la fase delle vecchiaia, un momento molto delicato della vita del cane, perchè il fisico e gli organi interni risentono dei problemi dell’età e sono più sensibili ad infezioni e malattie degenerative. Di conseguenza, anche il carattere ed il comportamento del cane si adeguano alle nuove esigenze fisiche, come bisogno di riposo, fatica a passeggiare a lungo, apatia, e tanti altri problemi tipici dell’età avanzata.

Innanzitutto bisogna fare una premessa doverosa: un cane anziano non è un cane malato! Tanti cani “nonnetti” godono di ottima salute e trascorrono serenamente questa fase matura della loro vita. Ovviamente l’invecchiamento del cane rispecchia l’intero arco della sua vita: se il cane ha avuto una vita sana, una buona alimentazione, movimento e controlli veterinari regolari, allora sicuramente ci sono buone possibilità che possa trascorrere una felice vecchiaia, senza problematiche particolari. Per mantenere il cane giovane, è consigliabile seguire un programma di movimento psico-fisico*, che coinvolge corpo e mente del cane anziano.

Quali sono i problemi fisici tipici del cane anziano?

  • sovrappeso: tendenza ad aumentare di peso, a causa dello scarso movimento
  • igiene orale: aumento di tartaro, gengivite, ecc.
  • perdita di pelo
  • problemi alle ossa (artrite del cane)
  • problemi di vista
  • problemi di udito
  • insorgenza di tumori

Per mantenere in salute un cane anziano*, è necessario prestare molta attenzione all’alimentazione. Il cane cosiddetto “senior” ovvero anziano, ha bisogno di cibo ricco di vitamine, per questo motivo bisogna prediligere i cibi che sono stati studiati e bilanciati sulle esigenze specifiche del cane anziano.

Quali sono i problemi di comportamento del cane anziano?

Se il vostro cane è entrato nell’età matura, potrebbe sviluppare comportamenti molto diversi dal solito, comportamenti che spesso possono essere campanelli d’allarme di eventuali malattie:

  • disfunzioni cognitive e cambiamento di comportamento: morbo di Alzheimer
  • amnesie e disorientamento: demenza senile
  • scarsa attenzione, ansia, perdita di orientamento
  • apatia
  • appetito alterato
  • irritabilità
  • comportamento alterato verso le persone
  • alterazione sonno/veglia

Tutti i cambiamenti di umore, comportamento e interazione del cane anziano devono essere prontamente segnalati al veterinario, il quale saprà collegare i problemi di comportamento ad eventuali patologie e consigliarvi la migliore strategia di prevenzione o di cura, per fare in modo che il vostro cane viva il più a lungo possibile e nel modo più sereno possibile.

In ogni caso, la ricetta migliore resta sempre l’affetto e la cura per il proprio cane anziano: un po’ di movimento (senza esagerare), corretta igiene personale, alimentazione controllata, controlli veterinari periodici e soprattutto tanta osservazione e rispetto delle sue mutate esigenze.

CREDITS:
Immagine di copertina: Shutterstock

*Consigliato da PROPLAN