30 settembre 2020

pubblicato da: PetPassion Redazione

Qual è l’età in cui un gatto si può considerare adulto?

Un gatto entra nella sua fase adulta quando comincia a camminare, a cibarsi in maniera indipendente e sviluppa la sua maturità sessuale.

Cuccioli, adulti o anziani i nostri gatti sono sempre bellissimi. Ma è importante sapere quali sono le differenze nelle diverse fasi di vita per riuscire a garantirgli la migliore qualità di vita possibile.

Se durante i primi mesi la crescita dei gattini sarà molto evidente e rapida, successivamente i cambiamenti saranno meno visibili. Quindi quando diventa adulto un gatto?

 

Dalla nascita allo svezzamento del gatto

Appena nato il micio assumerà il latte materno che lo supporterà nella crescita. In questa fase sarà importante verificare l’aumento di peso e il suo sviluppo generale per controllare che sia in buona salute. Successivamente, si passerà allo svezzamento durante il quale si potranno iniziare a somministrare al micio alimenti solidi, adeguati dal punto di vista nutrizionale a questo momento della vita.

Alla fine dello svezzamento, il gattino sarà in grado di nutrirsi completamente in maniera indipendente dalla madre e la sua crescita sarà sempre più visibile. Man mano dormirà di meno lasciando il posto ad ampi momenti di gioco, avrà voglia di socializzare e di conoscere il mondo intorno a lui. Questo sarà il momento in cui cominciare a educare il gatto cucciolo all’uso della lettiera, a non mordere e graffiare, a capire quali sono gli spazi della casa a lui dedicati e quelli nei quali, invece, non può andare.

 

Quando il gatto diventa adulto

In linea generale, si può dire che al raggiungimento del primo anno di età il gatto si può considerare entrato nella fase di vita adulta. A questo punto il micio avrà scheletro e muscoli forti, un mantello lucido e ottimi riflessi agli stimoli che gli vengono offerti. Ma ci possono essere anche le eccezioni: infatti, molti mici continuano a crescere fino ai 18 mesi e altri ancora impiegano anni prima di raggiungere la loro taglia adulta, come ad esempio nel caso del Main Coon che può arrivare anche fino a quattro anni.

Inoltre, per definire quando diventa adulto un gatto, questo deve aver raggiunto anche la maturità sessuale. Normalmente, il processo comincia tra i 6 e i 9 mesi, per questo motivo già da piccoli gatti maschi e femmine dovrebbero essere tenuti lontani. Può accadere, infatti, che una gattina resti incinta durante la sua fase di crescita e questo potrebbe comportare delle difficoltà per il suo corpo ancora in fase di evoluzione.

Imparare a capire quando diventa adulto un gatto è importante perché consente al proprietario di sapere come essere di supporto alla sua crescita sia nella dieta alimentare sia nel comportamento che nella vita domestica. In ogni fase, inoltre, è fondamentale anche rivolgersi al proprio medico veterinario che fornirà tutte le informazioni utili specifiche per il nostro amico a quattro zampe.

 

Perché i gatti fanno le fusa?

Sin da piccoli sentiamo i gatti fare le fusa, ma che cosa vuol dire? Le fusa sono il modo in cui il gatto manifesta il suo affetto, ma non solo: a volte servono per tranquillizzarsi quando ha paura o prova dolore.