Sleddog: tutti in slitta!

  • Love

  • Mi piace

  • Sigh

  • Grrrr

18 novembre 2009

categoria: Storie di animali

pubblicato da: Redazione PetPassion

L’inverno e’ ormai iniziato e molti cominciano a sgranchirsi le gambe in vista dell’ambita settimana bianca, durante la quale sbizzarrirsi negli sport piu’ spericolati e divertenti. Per i piu’ originali niente piste da solcare a bordo di sci e snowboard: le distese innevate vengono percorse alla guida di velocissime slitte trainate da cani. Stiamo parlando […]

L’inverno e’ ormai iniziato e molti cominciano a sgranchirsi le gambe in vista dell’ambita settimana bianca, durante la quale sbizzarrirsi negli sport piu’ spericolati e divertenti.
Per i piu’ originali niente piste da solcare a bordo di sci e snowboard: le distese innevate vengono percorse alla guida di velocissime slitte trainate da cani. Stiamo parlando dello Sleddog, un’attivita’ dalla storia lunghissima, ormai diventato sport invernale diffuso, con tanto di competizioni mondiali e una propria Federazione, che oggi punta a diventare sport olimpico.

Per i paesi con gli inverni piu’ lunghi e rigidi le slitte sono state un mezzo di trasporto importantissimo; le prime popolazioni a utilizzarle, per lo spostamento e il trasporto di materiali, furono quelle che dell’altopiano siberiano.
In breve tempo la tecnica dello sleddog e le razze canine utilizzate si diffusero in Alaska, Canada e Groenlandia.
Proprio nel Nord America i cani da slitta furono determinanti ai tempi della “corsa all’oro” nella seconda meta’ dell’800, durante la quale i cercatori d’oro battevano quegli inospitali territori solo grazie alla slitta e alla loro muta di cani.

Se in alcune remote regioni del mondo, per esempio al Polo Nord tra gli Inuit, la slitta trainata dai cani e’ ancora utilizzata con gli stessi scopi per i quali si era diffusa in origine, nella maggior parte dei paesi lo sleddog e’ diventato soprattutto uno sport e un divertimento.

La tecnica originaria e’ quella del traino di una slitta, ma negli anni si sono diffusi modi alternativi, che permettessero di praticare questo sport anche senza la presenza della neve: questo ha richiesto l’inserimento, al posto della slitta, di mezzi dotati di ruote (tricicli o quadricicli e anche prototipi di monopattino).
Il conducente della slitta, che deve aver appreso, tramite corsi o affiancando un esperto, le regole tecniche fondamentali, si chiama musher.
Il numero dei cani che compongono una muta e’ variabile e dipende dalla specialita’. Quanto al tipo di cane piu’ idoneo per quest’attivita’, ovviamente l’Husky, l’Alaskan Malamute, ma anche molti meticci risultanti dagli incroci di piu’ razze, di solito cani da caccia e cani nordici.
(G.M.)