Nasce l’anagrafe dei “cani morsicatori”

by • 30 settembre 2009 • SaluteComments (4)702

Inutile negare che nelle pagine di cronaca dei quotidiani capita spesso di leggere di casi di persone morse da cani, da randagi così come da cani a spasso con il loro proprietario. Le ragioni dell’imprevista aggressione restano per la maggior parte delle volte sconosciute o apparentemente incomprensibili, in ogni caso il sommarsi negli anni di questo genere di episodi ha dato seguito a molteplici provvedimenti legislativi, non ultima la stesura della famigerata “black list” con l’elenco delle “razze pericolose” o presunte tali.
La giunta di un comune piemontese ha deciso invece di attivare un’anagrafe dei cani morsicatori, una banca dati che registri tutti i casi: dall’assalto al polpaccio del temibile Yorkshire agli episodi ben più gravi di aggressioni con lesioni gravi. Verrà aperto uno sportello della banca dati in ogni Asl. Un servizio del genere permetterà, per esempio, di monitorare l’aumento o la diminuzione di casi di aggressione da parte di cani ai danni di persone o altri animali e di “schedare” le razze che principalmente tendono ad attuare questo comportamento. L’archivio informatizzato rileverà identità e caratteristiche del cane, gravità della lesione, circostanze e cause dell’episodio. I dati saranno messi a disposizione di un gruppo di studio sulla prevenzione delle aggressioni, che avrà il compito di suggerire le misure di controllo.

Tanti provvedimenti dunque, ma il problema per il momento non accenna a diminuire. D’accordo con le ricerche di alcuni centri di studio del comportamento canino, noi di Petpassion vorremmo riportare l’attenzione sulla complessità di fattori che possono determinare un comportamento aggressivo. Insistere sul discorso delle razze e, dunque, attribuire alla genetica una priorità rispetto ai fattori ambientali e organici, ci sembra infatti una visione estremamente parziale del problema, incapace di individuare provvedimenti realmente efficaci.

È indubbio che alcune razze di cani vengono coinvolte più spesso delle altre in episodi violenti, ma studi segnalano che in realtà sono i meticci i cani più “mordaci”; come stupirsi d’altronde, visto che i meticci sono i più rappresentati nella popolazione canina? I soggetti di razze selezionate per la guardia, piuttosto che per la caccia o la compagnia, hanno una tendenza ad usare i denti per espletare le funzioni cui sono destinati, la guardia o la difesa appunto. Spesso si tratta di cani che hanno una soglia del dolore più alta di altri e che resistono perciò maggiormente alla sofferenza fisica. La tendenza all’aggressività, che può diventare pericolosa, rimane comunque un fattore individuale.
Tutto questo dimostra che la teoria genetica non riesce a spiegare il fenomeno dei “cani morsicatori”, piuttosto tende a semplificare le cause del fenomeno.

Ben più complessa, ma anche interessante è la questione dei fattori ambientali: il tipo di ambiente nel quale il cane è cresciuto, l’educazione che ha ricevuto, il tipo di rapporto che ha stabilito con l’uomo e con gli altri animali, ecc.
Molti proprietari di cani tendono a “umanizzare” il proprio pet, dimenticandosi che questi discende da un animale sociale, il lupo, il quale vive in un branco dotato di un capo, il capobranco appunto. Al capo spettano privilegi che gli altri non hanno: la gestione del cibo, dello spazio e della sessualità.
Per la stragrande maggioranza dei cani che vivono in famiglia il branco siamo noi. E’ evidente allora che il nostro amico nel suo branco non può avere delle prerogative sociali che non gli spettano, da capobranco cioè, perché il suo modo di affermare questa posizione gerarchica avverrebbe con la minaccia ed il morso. Il cane deve essere gerarchicamente l’ultimo nella nostra famiglia; se ciò non accade, è perché noi glielo abbiamo permesso “umanizzandolo”. Alcuni dei comportamenti che inducono il nostro cane a pensare di essere il “capo” (il che equivale a incoraggiare il suo potenziale aggressivo) sono: permettergli di mangiare per primo davanti al nostro sguardo (nel branco il capo mangia per primo) o lasciare che dorma sul letto o in un posto strategico della casa (nel branco è il capo che gestisce gli spazi), permettergli di non ubbidire (in questo modo rafforziamo il suo status gerarchico nel branco nel quale vive) e così via.

Tra le cause ambientali di comportamenti aggressivi è anche frequente il non rispetto dei periodi di crescita neuronale e di apprendimento comportamentale del cucciolo Il cane nel periodo si socializzazione (in particolar modo dal 40° al 60° giorno di vita) acquisisce dalla madre la capacità di autocontrollo, la corretta comunicazione intra/interspecifica, le regole di vita del branco ed impara ad essere autonomo. Separare prematuramente il cucciolo dalla mamma, può facilitare comportamenti aggressivi e problemi di socializzazione.
Ricordiamoci insomma che nella maggior parte dei casi di comportamento aggressivo noi uomini abbiamo grosse responsabilità.

Ecco un video che spiega perché è importante insegnare la gerarchia al cane

(G. M.)

Pin It

Articoli correlati

4 Responses to Nasce l’anagrafe dei “cani morsicatori”

  1. Anonimo scrive:

    Sono d’accordo, attribuire tutto alla genetica è limitante e semplifica moltissimo una questione che invece coinvolge anche, forse soprattutto, il comportamento dei proprietari

  2. Anonimo scrive:

    Ben detto! Anche se bisogna tener conto dell’indole che un cane sviluppa perché appartenente o discendente da una razza più o meno predisposta a comportamenti difensivo-agressivi, la storia della “black list” e via dicendo allontana dalla soluzione del problema. Bisogna continuare ad approfondire gli aspetti educativi e relazionali che coinvolgono noi e il nostro animale. Visto che la maggior parte dei cani cresce con noi umani e nel rapporto che stabiliamo con loro, e non altrove, che dobbiamo cercare le ragioni di certi comportamenti

  3. Anonimo scrive:

    I cani sono come figli. Se educati male, riescono male. E’ indubbio che alcuni cani di taglia grande siano poco facili da gestire, non dimentichiamo che, anche se NOI sembra strano, ci sono persone che hanno paura degli animali. E’ giusto tenerli al guinzaglio in luoghi pubblici e far sì che non sporchino o disturbino ma secondo me non esistono cani pericolosi “a prescindere”. Dietro un cane aggressivo c’è sempre un padrone cretino. Se poi succede che un gruppo di randagi affamati e “incattiviti” dalla vita di strada assale qualcuno, perchè invece di sbattere la notizia in prima pagina non si mettono in atto politiche di autentico controllo del randagismo punendo veramente chi abbandona un cane o un gatto?

  4. anonimo scrive:

    Mi e’ successo propio ieri in un parco della mia citta’, mio figlio di 3 anni e stato morsicato da un cane di grossa taglia, fortunatamente e’ andato tutto bene e’ stato visitato con tanto di ecografia visto che il punto era l’addome.Chiedo ma e’ possibile portare un cane di grossa taglia in un posto dove il 90% sono bambini e’ ovvio che qualsiasi bambino puo’ fare movimenti bruschi ed essere interpretati male dal cane ma io dico ma perche’ i propietari non gli mettono la museruola in posti cosi’ affollati? come posso sapere se il doberman e’ un cane appartenente alla categoria dei morsicatori?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>