29 ottobre 2018

pubblicato da: PetPassion Redazione

Come si contano gli anni dei cani rispetto a quelli dell’uomo

Età del cane rispetto all’uomo: come si calcola? Come si quantifica l’età del cane in anni umani? A quanto corrispondono 10 anni di un cane? Scopriamolo insieme. 

Una delle domande che più di frequente i proprietari di amici a quattro zampe si pongono è: come fare per calcolare l’età del cane? Questa curiosità è legata al fatto che le aspettative di vita di un cane sono più limitate di quelle degli uomini, quindi le varie fasi dell’esistenza di questo animale vengono raggiunte e superate da un cane in un tempo relativamente breve dagli esseri umani. Come si contano quindi gli anni dei cani?

 

Come calcolare l’età del cane rispetto a quella umana

Per riuscire a calcolare l’età del cane generalmente si pensa che basti moltiplicare 7 anni umani per ogni anno di vita dei propri amici a quattro zampe.

In realtà per capire la vita media dei cani conta molto la taglia dell’animale. La taglia che un cane raggiunge da adulto determina già l’età massima e media che il cane può raggiungere. Per un cane di taglia grande quindi, ogni anno vale molto di più di 7 anni umani, mentre per un pet di taglia piccola un anno vale circa 6.

Questi ultimi hanno poi una vita più longeva rispetto ai loro simili: i cani piccoli possono vivere dai 15 ai 18 anni. Se si parla invece di una taglia media, gli anni di vita dei cani raggiungono al massimo i 13 o 14. I pelosi più grandi hanno un’aspettativa di vita ancora inferiore, poiché vivono mediamente intorno ai 9-11 anni.  In generale bisogna considerare che per capire come calcolare l’età del cane va tenuto in considerazione che un anno di vita del cane corrisponde a circa 15 anni umani.

 

età del cane

(fonte: justdog.it)

L’età dei cani in ogni fase della vita

Come detto in precedenza, per calcolare l’età dei cani è importante tenere in considerazione la taglia del proprio animale e la fase di vita in cui si trova.

I cuccioli si collocano in un periodo di scoperta e di riposo. Per via dell’irrequietezza che caratterizza questa fase di crescita, un cane di 3 mesi potrebbe essere come un bambino di 3 anni, mentre un cucciolo di 6 può essere paragonato a un bambino di 10 anni. A un anno di vita l’età dei cani corrisponde a circa 15 anni umani, mentre a 2 anni, quindi a circa 24 anni dell’uomo, viene superata la fase in cui il cucciolo è considerato giovane e si entra nell’età adulta.

A partire dal secondo anno di vita comincia appunto la fase matura del cane, e da questo momento, per calcolare l’età dei cani in rapporto a quella umana, bisogna aggiungere circa 4 anni ogni anno. Un cane di taglia piccola di 3 anni, ad esempio, avrà all’incirca 28 anni umani, mentre i 4 anni corrispondono approssimativamente ai 32 anni dell’uomo.

Per capire come si calcolano gli anni dei cani non influisce tanto la razza, anche se l’invecchiamento e le aspettative di vita possono variare sensibilmente. Un cane anziano di grandi dimensioni, per esempio, a 9 anni ha raggiunto la fase della vecchiaia, perché, se fosse un uomo, avrebbe intorno ai 70’anni.

I cani di piccola taglia, al contrario, si possono considerare anziani intorno ai 16 anni, quindi quando hanno circa 80’anni umani. In generale comunque la speranza di vita di un amico a quattro zampe dipende molto dalle attenzioni che riceve, dall’alimentazione che segue e dalle attività fisiche che gli vengono fatte svolgere.

 

Con l’avanzare dell’età i cani arrivano in una fase della loro vita in cui è bene sapere quali sono i principali disturbi che possono insorgere e come aiutare il peloso a vivere serenamente la vecchiaia. Ecco i suggerimenti

 

CREDITS: Proplan