1 febbraio 2017

pubblicato da: Redazione PetPassion

“La nostra famiglia è adatta ad adottare un cane? Siamo pronti a prenderci cura di un cane?” Queste sono le classiche domande che ci si pone prima di accogliere in casa un cucciolo o un cane adulto. Rispondi al test con 7 domande: ti aiuterà a prendere la decisione giusta per tutti. La prima preoccupazione […]

“La nostra famiglia è adatta ad adottare un cane? Siamo pronti a prenderci cura di un cane?” Queste sono le classiche domande che ci si pone prima di accogliere in casa un cucciolo o un cane adulto. Rispondi al test con 7 domande: ti aiuterà a prendere la decisione giusta per tutti.

La prima preoccupazione è che la casa o gli impegni familiari non siano conciliabili con le esigenze di un cane. Stiamo fuori tutto il giorno, abbiamo la casa piccola, c’è un bimbo di pochi mesi: questi sono i dubbi più comuni che si insinuano nella mente di tutte le famiglie che vogliono adottare un cane, soprattutto se parliamo del primo cane della vita. Fare la scelta giusta è un processo arduo e insidioso, che richiede lunghe riflessioni. Per aiutarvi a capire se l’adozione di un cane è la scelta giusta, vi proponiamo questo piccolo di test di 7 domande. Se rispondi positivamente a queste 7 domande – o trovi una soluzione per ognuna di queste – allora la tua famiglia è pronta per accogliere un cane!

1. Tutta la famiglia è d’accordo a prendere un cane?

L’ingresso di un nuovo membro della famiglia sarà fonte di gioia, responsabilità e piccoli grandi impegni. Queste responsabilità vanno condivise e tutti devono essere d’accordo sull’adozione del cane. Il motivo è molto semplice: la cura del cane non può e non deve essere affidata in modo esclusivo ad una sola persona. Se quest’ultima dovesse avere impegni o problemi di salute, tutta la famiglia deve essere pronta ed abituata a sopperire alle esigenze pratiche ed affettive di un cane. Inoltre, siccome il cane è per sempre, e vivrà nella stessa casa della famiglia che lo adotta, è fondamentale che nessuno sia contrario al suo arrivo, perchè gli spazi saranno sempre e comunque condivisi tra tutti i familiari ed il cane.

2. Quanto spazio avrà il tuo cane? Il proprietario di casa accetta i cani?

La domanda che spesso si pongono molte famiglie, dubbiose sull’adozione di un cane, è: “ho abbastanza spazio per un cane?”. La risposta è molto semplice: il cane ha bisogno di cure ed attenzioni, non di uno spazio specifico. Ma anche in questo subentra il buon senso: se la vostra casa è piccola, anche per voi che la abitate, dovete dirigere la vostra scelta su un cane di piccole dimensioni, quindi una taglia piccola. Il cane, infatti, oltre a girare per casa, ad aver bisogno del suo angolo pappa e acqua, ha anche bisogno del suo spazio per dormire o riposare. Questo spazio varia a seconda che il cane sia un alano o un maltese. Quindi, datevi una risposta pensando alle esigenze di spazio di un altro membro della famiglia. Un altro aspetto fondamentale è la verifica di accettazione del cane da parte del proprietario di casa o di eventuali coinquilini. Per quanto riguarda l’accettazione del cane da parte del condominio, dal 2012 la legge dice che gli animali domestici devo essere accettati da tutti i condomini e in tutti i condomini.

3. Hai abbastanza tempo da dedicare al cane?

Il cane ha sicuramente bisogno di uscire quotidianamente per i suoi bisogni fisiologici almeno 4 volte al giorno. E’ quindi fondamentale che ci sia una o più persone disponibili ad uscire con il cane per almeno mezz’ora al giorno. Il tema dell’uscita è fondamentale, perchè il contatto con l’esterno, la possibilità di correre su un prato, giocare all’aria aperta, sono molto importanti per un cane, oltre la necessità dei bisogni fisiologici. Quindi, l’uscita con il cane dovrebbe essere vista come una occasione per fare un po’ di movimento, una passeggiata, godendo degli spazi verdi (aperti ai cani) disponibili vicino casa. Domandatevi se avete tempo (e spazi vicino casa) da dedicare ad un cane.

4. Sei disposto ad affrontare delle spese?

Stando ad alcune stime, la spesa per mantenere un cane (vaccini, pappe, visite veterinarie, accessori, ecc.) nel primo anno di vita sarebbe di circa 1.200 euro. Ovviamente si tratta di una stima che include tutta una serie di spese che, in un modo o nell’altro, possono essere ridotte. L’aspetto che resta fondamentale è quello della cura del cane: la visita dal veterinario ed i vaccini, insieme ad un’alimentazione sana e bilanciata, sono fondamentali per garantire una vita salutare al nostro cane.

5. Ci sono altri animali già in casa?

Se ci sono altri animali nella casa che dovrà accogliere il cane, bisogna assicurarsi che siano compatibili, in modo da non innescare lotte territoriali che creano stress a tutti. Infatti, è opportuno ricordare che l’inserimento di un nuovo animale – in una casa dove vivono altri animali – deve essere fatto in modo estremamente graduale, nel rispetto delle esigenze e degli spazi di tutti. Inoltre, stai attento affinché in casa non ci siano oggetti pericolosi per gli animali, gli incidenti sono più diffusi di quanto si possa immaginare.

6. Sei disposto a rinunciare a qualcosa per lui?

Un’altra importante domanda da porsi è se si è realmente disposti a fare qualche sacrificio per il cane. Per sacrificio intendiamo modificare le nostre abitudini quotidiane o di vacanza: ad esempio, potrebbe esserci la necessità di viaggiare in treno, piuttosto che in aereo, di cambiare il proprio Villaggio vacanze preferito o la spiaggia del cuore, se questa non accetta i cani. Insomma, un cane cambia la vita. Bisogna essere consapevoli che – come ogni essere vivente – le sue esigenze di svago e salute dovranno essere sempre rispettate e conciliate con quelle di tutti i membri della famiglia.

7. Sei una persona attiva o un pigrone?

I cani sono molto diversi a seconda della razza e della taglia.  E’ fondamentale conoscere queste differenze per scegliere il cane più adatto allo stile di vita del proprietario che lo adotta. Sfoglia la nostra rubrica speciale su tutte le razze canine, dove troverai carattere, principali caratteristiche ed esigenze delle diverse razze di cane.  Ad esempio, un jack russel è un cane di piccola taglia, ma molto dinamico e giocherellone. E’ preferibile che chi adotta un jack russel sia “disposto” ad uscite e passeggiate, ed anche una buona dose di attività sportiva.

Leggi anche un approfondimento: E’ meglio adottare un cucciolo o un cane adulto? Pro e contro di ogni scelta.

CREDITS: In copertina: Ugo di mariangelap

Link di approfondimento: Purina FRISKIES® Gli Inseparabili