Febbre nel gatto

Come capire se il gatto ha la febbre

  • Love

  • Mi piace

  • Sigh

  • Grrrr

3 aprile 2019

categoria: Salute animali, Slider

pubblicato da: PetPassion Redazione

Come riconoscere la febbre nel gatto.

Interpretare nel modo giusto alcuni comportamenti può aiutare ad identificare la febbre nel gatto e risolvere il problema.

 

Così come accade per gli esseri umani, anche i gatti possono contrarre virus e batteri e il primo sintomo evidente di questa problematica è l’insorgenza della febbre nel gatto. È chiaro che, trattandosi di un animale, i metodi per scoprire se la temperatura corporea del gatto è più alta del normale sono diversi da quelli che si usano per l’uomo: a noi basta mettere una mano sulla fronte per capire se siamo accaldati, ma con il gatto non è così. Dunque, quali sono i sintomi della febbre nel gatto? Ci sono una serie di comportamenti che possono far sospettare al proprietario che c’è qualcosa che non va: ecco allora come capire se il gatto ha la febbre senza termometro.

 

Come capire se il gatto ha la febbre senza termometro

È ovvio che per avere la certezza che il gatto ha la febbre, è necessario misuragli la temperatura con l’uso di un termometro. Tuttavia, è possibile riconoscere la presenza di un malessere nell’animale anche da altri segnali, che bisogna essere bravi ad interpretare. Innanzitutto, un cambiamento repentino del suo comportamento deve destare sospetto: se normalmente il gatto è attivo e giocherellone e d’improvviso cambia atteggiamento, diventando sempre pigro e apatico, ciò potrebbe significare il gatto non si sente bene, e forse ha la febbre. Altro segnale importante riguarda l’alimentazione: se il gatto non ha più appetito e rifiuta anche il suo cibo preferito, è innegabile che ha qualche malessere. Non è detto che sia febbre, potrebbe essere solo mal di stomaco o altro ancora. In tutti questi casi, e in generale se si notano dei cambiamenti nelle abitudini del gatto, è opportuno sentire il parere di un veterinario.

 

Come misurare la febbre al gatto

La temperatura corporea di un gatto è più alta di quella umana e si attesta normalmente intorno ai 38.5°. Ciò significa che quando il gatto supera questa temperatura, si dice che ha la febbre. Ma come si misura la febbre al gatto? Esattamente come si fa con i neonati, ossia con un termometro rettale. Come è facile immaginare, il gatto non sarà proprio felice di essere sottoposto a questa misurazione, per cui è preferibile essere almeno in due quando si misura la febbre al gatto: uno terrà l’animale fermo, e l’altro inserirà il termometro nel retto, occupandosi poi di disinfettarlo una volta usato. Qualora il gatto dovesse presentare qualche linea di febbre, la prima cosa da fare è tenerlo in una stanza non troppo calda e mettergli a portata di zampa una bella ciotola di acqua fresca; subito dopo, è opportuno chiamare il veterinario per una visita di controllo.

 

I sintomi della febbre nel gatto

Il gatto è un animale abitudinario, per cui ogni minimo cambiamento nella sua routine quotidiana può essere il segnale che c’è qualcosa che non va. Alcuni comportamenti sono tipici del gatto con la febbre, ma possono anche essere il sintomo di qualcos’altro: alla comparsa di uno di questi è quindi sempre opportuno sentire il parere di un veterinario.

Ecco i principali sintomi della febbre nel gatto:

  • Il gatto con febbre non mangia
    Si sa che i gatti sono golosi e sempre affamati, per cui se all’improvviso smettono di avere appetito, è evidente che non si sentono bene. Se poi l’assenza di cibo perdura per oltre 24 ore, è necessario approfondire il problema.
  • Il gatto con febbre dorme molto
    Già normalmente i gatti dormono per la gran parte della giornata, ma alternano a questi momenti di pace, altri momenti di gioco e divertimento. Qualora venga a mancare questa alternanza, e il gatto resti tutto il giorno e tutta la notte a dormire, è possibile che abbia la febbre.
  • Il gatto con febbre si nasconde
    I gatti non amano mostrare la loro vulnerabilità, per cui se non stanno molto bene tenderanno a trovare dei nascondigli in cui ripararsi per non farsi vedere. Se ciò accade al di fuori di un contesto giocoso, potrebbe trattarsi di un segnale d’allarme da non sottovalutare.
  • Il gatto con febbre che non passa
    Se il gatto ha la febbre da alcuni giorni e, nonostante le cure, questa non accenna a scendere, bisogna scongiurare la comparsa di una malattia virale, attraverso le analisi del sangue. Purtroppo, anche tra i gatti ci sono malattie molto gravi, come la panleucopenia, la rinotracheite felina o, nel peggiore dei casi, la leucemia felina, che possono portare anche al decesso dell’animale.

 

Come capire se il tuo gatto è malato da piccoli segnali

Non è sempre facile riconoscere se il proprio gatto si è ammalato. Ecco alcuni consigli per identificare quei piccoli e grandi segnali che il suo corpo lancia e che devono subito metterci in allarme e convincerci a portarlo dal veterinario.

 

>> Leggi tutto

 

Foto: Shutterstock

Approfondimento: Purina