gatto starnutisce quali sono le cause

Il gatto starnutisce? Perché lo fa?

  • Love

  • Mi piace

  • Sigh

  • Grrrr

16 giugno 2020

pubblicato da: PetPassion Redazione

Quando il gatto starnutisce la prima cosa da fare è capirne le cause.

Il gatto starnutisce per ragioni semplici, come odori forti o la presenza di copri estranei, ma anche nel caso di infezioni virali o fungine.

Capita di sentire il gatto che starnutisce, piccoli starnuti spesso a poca distanza l’uno dall’altro. Quando il micio starnutisce la prima cosa da fare è capire perché lo fa, ovvero se c’è qualcosa che gli solletica il naso o che gli dà fastidio, oppure se lo starnuto può essere sintomo di altro. In questo caso, sarà opportuno richiedere la consulenza del proprio medico veterinario che saprà fornire maggiori indicazioni sul trattamento e la cura.

 

Perché i gatti starnutiscono?

Come abbiamo detto, quando il gatto starnutisce può essere per ragioni semplici, come:

  • un odore forte, come un profumo, un disinfettante o un detergente chimico, ma che il fumo del tabacco e i fumi derivanti da solventi;
  • un corpo estraneo che gli solletica il naso, per cui il micio cerca di liberarsene attraverso uno starnuto, potrebbe essere anche solo un batuffolo di polvere o un filo d’erba, se il micio esce di casa.

 

Una volta cessato il fastidio il gatto smetterà di starnutire e ricomincerà a respirare normalmente. Nel caso di corpi estranei, bisognerà verificare che il gatto sia riuscito a espellerli in modo che la loro presenza nel naso per un periodo di tempo lungo non crei un’infezione nasale.

Può accadere, inoltre, che il gatto abbia delle difficoltà di respirazione in risposta a eventi stressanti. Anche in questo caso, una volta che il micio si sarà rilassato gli starnuti cesseranno.

 

Il gatto starnutisce: le cause

In alcuni casi, appunto, il gatto che starnutisce indica che il micio ha un’infezione in atto. Queste potrebbero essere virali o fungine e possono manifestarsi con gli starnuti, anche in associazione a febbre, tosse, lacrime o altre secrezioni oculari. Talvolta, gli elementi che accompagnano lo starnuto e, in generale, una difficoltà respiratoria possono essere più gravi, come apatia, inappetenza, disidratazione, perdita di peso e sbavamento.

Tra le infezioni che possono colpire i gatti ci sono:

  • herpes virus;
  • Calicivirus;
  • infezioni da clamidia;
  • infezioni batteriche quali Mycoplasma;
  • virus dell’immunodeficienza felina (FIV).

 

Gli starnuti del gatto possono essere anche un effetto collaterale di un vaccino o il segnale che il gatto presenta un’allergia, ad esempio alla polvere e ai pollini, o a ingredienti contenuti negli alimenti che mangia.

Se gli starnuti si protraggono per molto tempo o se si notano dei cambiamenti nei comportamenti rispetto all’ordinario, è sempre opportuno fare visitare il gatto dal medico veterinario in modo che possa individuare l’elemento che scatenante, trovare il rimedio adatto e aiutare il micio a stare meglio.

 

Cosa significa quando il gatto trema?

Il tremore nel gatto è un fenomeno più frequente di quanto si pensi e che può essere dovuto a una molteplicità di fattori diversi.

 

 

Approfondimento: Purina ProPlan