16 dicembre 2020

pubblicato da: Medico Veterinario

Gatto stitico? Ecco qualche consiglio su cosa fare

 

Hai un gatto stitico? Spesso i gatti soffrono di problemi di stipsi. Nei casi particolarmente importanti la costipazione arriva a provocare complicanze come il megacolon, motivo per cui è bene agire tempestivamente sia sulle cause di stipsi, sia fornendo alimenti appositi per gatti stitici. 

 

Gatto stitico: cause 

Quando si parla di gatto stitico (banalmente definito come “il gatto non fa la cacca”), si intende un gatto che soffre di costipazione intestinale, nota anche come stipsiÈ un problema molto diffuso nei nostri gatti e si caratterizza per una diminuita o difficoltosa evacuazione delle feci. Non è che il gatto non produce le feci: queste si formano nell’intestino, solo che non riesce a espellerle. E questo alla lunga porta a complicanze come il blocco intestinale o il megacolon secondario, con dilatazione del colon spesso irreversibile. 

Fra le cause possibili di costipazione nel gatto abbiamo: 

  • alimentazione non corretta 
  • eccessivi boli di pelo nell’intestino 
  • forme idiopatiche 
  • disfunzione della muscolatura liscia del colon 
  • malattie neuromuscolari degenerative 
  • corpi estranei (inclusa l’ingestione eccessiva di erba o l’ingestione di ossa) 
  • diverticolosi 
  • ernie 
  • coliti e processi infiammatori 
  • insufficienza renale cronica 
  • disautonomia felina 
  • stenosi 
  • neoplasie 
  • traumi a carico del midollo spinale o del bacino, con danni ai nervi pelvici 

 

Gatto stitico: sintomi 

Tipicamente i proprietari portano a visita un gatto stitico per sintomi relativi al fatto che il gatto sono giorni e giorni (a volte settimane) che non riesce a defecare, magari atteggiandosi spesso, ma non producendo mai feci. Questi sono i principali sintomi di costipazione nel gatto a cui prestare attenzione: 

  • mancata emissione di feci 
  • tentativi di defecazione infruttuosi 
  • vocalizzazioni da dolore durante la defecazione 
  • talvolta minima produzione di feci dure, piccole e secche 
  • diarrea (paradossalmente nei gatti con costipazione di vecchia data possono verificarsi fenomeni di diarrea legata all’irritazione intestinale) 
  • anoressia o disoressia 
  • vomito 
  • dimagramento 
  • disidratazione 
  • dolorabilità addominale 

Una forma di costipazione persistente conduce alla dilatazione del colon, chiamata megacolon: questo è lo stadio finale. 

 

Gatto inappetente? Ecco cause e cosa fare >> 

 

Gatto stitico: che fare? 

Che fare in caso di gatto stitico? Se sospetti di avere un gatto stitico e noti uno o più dei sintomi sopra descritti, non attendere troppo tempo: più giorni passano, più le feci prodotte si accumulano nell’intestino dilatandolo e rischiando di causare un megacolon secondario. Se hai un gatto che non defeca da qualche giorno, contatta il tuo veterinario. 

Inoltre, se hai un gatto che soffre di stipsi da sempre, che produce feci piccole e secche, rivolgiti al tuo veterinario: è vero che il gatto sta defecando, ma è possibile che migliorando l’alimentazione o dando alimenti appositi per gatti stitici, si riesca a migliorare la produzione e l’emissione delle feci. 

 

Come fare se il gatto non fa la cacca

 

Rimedi gatto stitico 

Ci sono diversi rimedi per aiutare un gatto stitico. In base alla gravità della situazione, il tuo veterinario valuterà se il gatto necessiti di una strategia terapeutica volta a migliorare l’idratazione delle feci e la motilità intestinale, di un cambio di alimentazione o di una sedazione con svuotamento manuale del colon. Nei casi più gravi, è necessario agire in laparatomia per valutare anche la severità del megacolon. 

Il solo massaggio in un gatto stitico potrebbe non essere sufficiente: mentre nei gattini massaggiare l’addome e la zona perineale è utile per aiutarli a defecare, in un gatto che sono giorni e giorni che non defeca, in cui le feci si stanno accumulando nell’intestino disidratandosi e rendendo sempre più difficoltosa la loro progressione e in cui si sta sviluppando un megacolon, il massaggio potrebbe rivelarsi inefficace. 

 

Alimenti per gatti stitici 

Chiedi anche al tuo veterinario se sia necessario utilizzare alimenti per gatti stitici caratterizzati da un’aumentata quota di fibra e quali usare. Inoltre, sarebbe importante anche cercare di far bere di più il gatto, magari utilizzando le apposite fontanelle di acqua corrente per gatti. Questo è solo uno dei tanti motivi per cui è necessario curare anche l’idratazione dei nostri gatti. 

 

 

 

 

Fonti: Medicina Felina – Manuale Pratico di Gary D. NorsworthyMitchel A. Crystal e Sharon K. Fooshee 

Approfondimento: PurinaShop