Gatto Somalo – un tenero spericolato

  • Love

  • Mi piace

  • Sigh

  • Grrrr

14 ottobre 2009

categoria: Gatti di razza

pubblicato da: Redazione PetPassion

La razza in realtà si origina negli Stati Uniti e non in Somalia. Il Somalo infatti è a tutti gli effetti un abissino a pelo lungo sviluppatosi tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, quando un gruppo di allevatori provò ad accoppiare alcuni abissini con soggetti a pelo lungo. Durante la prima guerra mondiale, […]

somaloLa razza in realtà si origina negli Stati Uniti e non in Somalia. Il Somalo infatti è a tutti gli effetti un abissino a pelo lungo sviluppatosi tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, quando un gruppo di allevatori provò ad accoppiare alcuni abissini con soggetti a pelo lungo. Durante la prima guerra mondiale, venne decimato il patrimonio felino europeo e gli abissini rischiarono l’estinzione: nel 1939, per salvare la situazione, nei libri genealogici vennero ammessi anche abissini senza pedigree. I geni sperimentali derivanti da quei primi incroci sono diventati in questo modo i progenitori della razza: poco dopo, infatti, cominciarono a comparire soggetti con il pelo lungo, considerati inizialmente dagli allevatori come un difetto. Solo dalla fine degli anni Sessanta se ne comincia a promuovere la diffusione e nel 1978 avviene il primo riconoscimento della razza e nel 1982 viene nominato Somalo per sottolineare la sua stretta parentela con l’abissino. La sua caratteristica principale è il colore del mantello caratterizzato dal cosiddetto ticking ( il pelo diviso in bande di tinte differenti con la punta scura). Questa particolarità è dovuta alla presenza del gene abissino “Ta” e del fattore agouti, grazie al quale si manifesta il tipico disegno tabby ( tigrato). Piu’ il singolo pelo e’ diviso in bande di colore, piu’ e’ apprezzato. Quando si sceglie il cucciolo bisogna ricordare che il somalo e’ una razza tardiva; il ticking spesso appare evidente solo dopo i 3 mesi dell’esemplare, quindi la tinta definitiva del mantello, secondo lo standard, diventa visibile solo verso i 2 anni di età. Il corpo e’ di media lunghezza con muscolatura robusta e solida, e la schiena e’ leggermente arcuata, dando l’impressione che l’animale sia sempre in procinto di compiere un salto. Il Somalo e’ molto vivace e intelligente, e sa come farsi rispettare; e’ affettuoso e giocherellone, adora stare in compagnia dei bambini. Non ha problemi per la vita in appartamento, ma ovviamente l’ideale è una casa con un terrazzo o con giardino. soffre il freddo, e d’inverno deve essere protetto. E’ un abile cacciatore: anche per questo, alla casa preferisce a volte il giardino, dove può cacciare lucertole e rincorrere farfalle, e non sa resistere alla tentazione di una corsa veloce verso la cima di un albero: in questo caso, è inutile cercare di farlo scendere, perché sa bene come comportarsi e quando scendere. E’ un gatto spericolato, e soprattutto da cucciolo va tenuto a freno per non fargli correre pericoli: da adulto invece il suo comportamento diventa solitamente più pacato e riflessivo. (F.M.)