19 aprile 2019

categoria: Salute animali, Slider

pubblicato da: PetPassion Redazione

Come guarire l’albumina bassa nel gatto e nel cane.

Un eccessivo abbassamento dei valori dell’albumina può portare anche al decesso del nostro animale, ecco come individuare il problema.

 

L’albumina è una proteina prodotta dal fegato, molto importante per la salute del gatto e del cane. La sua funzione è infatti quella di mantenere in equilibrio la pressione oncotica, che regola gli scambi idrici tra i capillari e il liquido che circonda i vasi sanguigni. L’albumina bassa nel gatto può colpire animali di qualsiasi età ed è una condizione molto pericolosa, perché lo squilibrio della pressione arteriosa può portare rapidamente al decesso. Le cause che la inducono possono essere di vario tipo, ma generalmente si tratta di una patologia a carico del fegato, l’organo che è addetto alla produzione di albumina. Vediamo come riconoscere se il gatto ha l’albumina bassa e come intervenire per guarirlo.

 

Albumina bassa: cause e sintomi

Generalmente l’ipoalbuminemia è causata da patologie del fegato, quali epatite o cirrosi, ma questa non l’unica ragione dell’albumina bassa nel gatto. Altre possibili cause possono riguardare un’insufficienza renale, la presenza di un tumore o di infiammazioni a carico di intestino o pancreas, solo per citarne alcune.

L’unico modo per scoprire se il proprio gatto o cane soffre di una di queste patologie sono le analisi del sangue e delle urine, attraverso le quali è possibile verificare il livello di albumina: si parla di albumina bassa quando il suo valore è al di sotto dell’intervallo standard 55-75 g/L. Ovviamente questo valore va poi confrontato con gli altri valori del sangue, per individuare quale patologia ha causato questo abbassamento.

Ma come facciamo a capire se il gatto il cane ha l’albumina bassa? In effetti, prima di arrivare a fare le analisi del sangue e delle urine, è possibile riconoscere lo squilibrio dell’albumina da una serie di sintomi evidenti, quali:

  • Gonfiore addominale
  • Gonfiore delle zampe
  • Diarrea
  • Vomito
  • Difficoltà respiratorie

Se uno o tutti questi sintomi dovessero comparire, è necessario fare una visita dal veterinario, che potrà prescrivere le analisi e individuare il problema il prima possibile.

 

Albumina bassa: rimedi

La prima cosa da fare se il gatto o il cane ha l’albumina bassa è intervenire con medicinali mirati, che faranno tornare questa proteina ai livelli normali. Nei casi più gravi l’animale potrebbe essere addirittura ricoverato, al fine di aspirare tutto il liquido che si è formato nel torace o nell’addome. Per i cani il veterinario potrebbe richiedere anche di effettuare lunghe passeggiate, così da migliorare la ritenzione idrica e permettergli di tornare in condizioni normali.

 

Albumina bassa: cosa mangiare

Altro aspetto da modificare se il nostro amico a quattro zampe soffre di ipoalbuminemia riguarda l’alimentazione. Il veterinario potrebbe infatti prescrivere una dieta a base di proteine e priva di grassi, nonché alimenti che aiutino a drenare i liquidi. È importante non prendere mai l’iniziativa da soli, ma rivolgersi a medici specializzati, che conoscono le terapie migliori perla salute dei nostri animali.

 

L’alimentazione del gatto dal palato raffinato

I gatti sono esigenti in fatto di cibo: pretendono sempre il meglio in fatto di gusto, ingredienti e varietà.
Per questo Gourmet offre sempre ricette raffinate, preparate con ingredienti di prima qualità e dal sapore sempre diverso, proprio per soddisfare qualunque capriccio culinario.

>> Scopri le ricette Gourmet

 

 

Approfondimento: Purina Gourmet