Gestazione e parto del gatto balinese

  • Love

  • Mi piace

  • Sigh

  • Grrrr

30 giugno 2011

categoria: Da sapere sul gatto

pubblicato da: Redazione PetPassion

Le gatte di solito partoriscono da sole, senza bisogno di aiuto ed anche velocemente, ma è sempre prudente starle vicino La gravidanza nei gatti varia dai 60 ai 75 giorni. Durante questo periodo il Balinese, un po’ come tutte le altre razze di gatti, sono particolarmente affettuosi e richiedono al padrone particolari attenzioni. Di solito […]

gatto balineseLe gatte di solito partoriscono da sole, senza bisogno di aiuto ed anche velocemente, ma è sempre prudente starle vicino

La gravidanza nei gatti varia dai 60 ai 75 giorni. Durante questo periodo il Balinese, un po’ come tutte le altre razze di gatti, sono particolarmente affettuosi e richiedono al padrone particolari attenzioni. Di solito sonnecchiano sdraiate al lato delle gambe del padrone, facendo le fusa e mottine (nello specifico è il movimento istintivo che i gattini appena nati fanno alla mammella per stimolare meglio l’uscita del latte). I primi segni di gravidanza si manifestano allo scadere della terza settimana: i capezzoli s’ingrossano e diventano di colore rosa acceso. Il Balinese è un gatto esile e sottile, quindi si nota subito la tipica forma della pancia che sottolinea la gravidanza.
Trascorso il termine della gestazione, la gatta ci avviserà in maniera insistente che sono iniziate le doglie e che è arrivato il momento di prepararsi al parto. Richiedono espressamente la presenza del loro padrone, soprattutto se è la prima volta. Sono capaci di rinviare il parto fino a 24 ore se il loro padrone dovesse dimostrarsi poco disponibile a prestare loro attenzione; ciò provoca non poco stress alla gatta, quindi è preferibile seguirla pazientemente fin quando non nasce il primo cucciolo. Non ha bisogno di aiuto nel parto, provvedono a tutto da sole e richiedono semplicemente la nostra presenza solo per rassicurarsi e renderci partecipi anche di quel particolare momento. Il piccolo gattino appena nasce avrà tutte le cure della mamma: recide nettamente il cordone con i suoi denti, per poi leccarlo energicamente per pulirlo, asciugarlo e soprattutto per stimolare la respirazione. Da questo momento e per i prossimi
tre giorni la mamma non si alzerà neanche per mangiare perché i suoi piccoli popperanno costantemente.
Possiamo riporre vicino alla cuccia dell’acqua fresca e delle crocchette, magari tra una poppata e l’altra riesce ad alzarsi per sgranocchiare qualcosa, ma se sente i suoi piccoli piangere tornerà immediatamente da loro per prestare tutte le sue attenzioni.

Gianni Di Sipio

Vuoi conoscere quali sono tutte le razze di gatto esistenti? Allora clicca su “Razze di gatto dalla A alla Z” e scoprile tutte!