7 settembre 2020

pubblicato da: Medico Veterinario

Piante velenose per gatti: le più frequenti.

In natura esistono piante che, se ingerite, sono molto pericolose per la salute del gatto.

Con l’arrivo della primavera è forte il desiderio di riempire balconi e appartamento con piante e fiori ornamentali, che diano colore e profumo alla nostra casa. In alcuni casi però le piante (o parte di essa: come foglie, frutti e fiori) può essere velenosa o tossica. In linea generale i gatti sono più predisposti rispetto ai cani a risentire degli effetti tossici di queste piante. Questi effetti però variano molto anche in base al livello di tossicità della pianta e alla quantità ingerita dall’animale. Ma quali sono le piante velenose per i gatti? Ecco le più comuni nelle nostre abitazioni.

 

Quali parti delle piante sono tossiche per i gatti?

Per i gatti può essere tossica tutta la pianta. Oppure possono essere tossiche solo parti di essa, come i fiori, l’arbusto, le foglie, le radici o anche l’eventuale linfa contenuta in alcune piante a foglia carnosa.

Un altro dato da sottolineare è che molte di queste piante vengono comunemente usate in fitoterapia. Tuttavia, si usano solo parti di esse e a dosi precise, per specificare ancora una volta che solo perché una cosa è naturale o vegetale non vuol dire che sia per forza sana e priva di effetti collaterali.

Infine, è bene ricordare che anche piante non presenti nell’elenco o facenti parte dell’elenco delle piante non tossiche, possono creare problemi al gatto se ne ingerisce in grandi quantità.

 

Cibi da non dare ai gatti: ecco i principali. >>

 

Piante velenose per i gatti: le più comuni?

Queste sono le piante tossiche per i gatti più comuni che possiamo trovare nelle nostre case o nei giardini, con relativi sintomi:

  • Aloe vera: molto nota per i suoi effetti curativi, l’ingestione delle sue foglie però può provocare diarrea, tremori, vomito e aumento dell’urinazione.
  • Azalea: foglie e nettare se ingeriti possono provocare problemi gastrointestinali, neurologici e cardiaci.
  • Cipolla e aglio: se ingeriti, provocano anemia emolitica.
  • Dieffenbachia: le foglie sono velenose per i gatti. Se ingerite provocano stomatite, abbondante salivazione, eritemi e vescicole.
  • Edera: vomito, tremori, problemi respiratori, in generale provoca problemi all’apparato digerente e se ingerita in quantità elevata può provocare anche la morte. Attenzione anche ai sottovasi, perché questa pianta libera i principi tossici anche nell’acqua.
  • Eucalipto: provoca diarrea e vomito.
  • Gelsomino: difficoltà di deglutizione, secchezza delle fauci, debolezza muscolare, mancanza di coordinazione, insufficienza respiratoria.
  • Giglio: pianta molto tossica soprattutto per i gatti, nei quali compromette fortemente la funzionalità renale.
  • Mughetto: tutte le parti di questo fiore possono portare a problemi gastrointestinali e aritmie cardiache. Anche in questo caso bisogna fare attenzione all’acqua presente nei sottovasi, anch’essa tossica.
  • Narciso: la pianta è tossica sia per contatto dove provoca irritazioni cutanee, sia per ingestione con vomito, diarrea, dolore addominale, alterazioni del ritmo cardiaco e morte.
  • Oleandro: problemi gastrointestinali e depressione cardiaca. Attenzione anche ai sottovasi, perché questa pianta libera i principi tossici anche nell’acqua.
  • Ortensia: sia le foglie che i boccioli possono causare diarrea, vomito, problemi respiratori, convulsioni, nei casi più gravi anche la morte.
  • Petunia: dolori addominali, diarrea, letargia, salivazione anomala, problemi gastrici e rallentamento del battito cardiaco.
  • Rododendro: vomito, nausea, forte salivazione, diarrea, depressione, coliche, problemi cardiaci e renali.
  • Stella di Natale: contiene latte irritante per l’uomo e velenoso per gli animali, nei quali può provocare infiammazioni alla bocca, spasmi allo stomaco e vomito.
  • Tulipano: tossica soprattutto per i gatti, i bulbi di questa pianta possono provocare problemi all’apparato digerente, di natura non particolarmente grave.
  • Vischio: il frutto provoca vomito, diarrea, scialorrea, abbattimento e midriasi. Se la quantità ingerita è notevole, si hanno anche sintomi neurologici, tachicardia, difficoltà respiratoria, dispnea, incoordinazione motoria, convulsioni e arresto cardiaco.

 

Oltre a piante velenose, ci sono anche alimenti tossici per il gatto e il cane: scopri quali. >>

 

piante velenose gatti

 

Elenco di piante tossiche per i gatti

Questo è un elenco di molte piante tossiche per i gatti. Ovviamente è impossibile elencarle tutte, quindi se hai un dubbio su una pianta, prima di metterla in casa a portata del gatto, contatta il veterinario. Ecco le piante velenose per i gatti:

  • Abro (o liquirizia indiana o albero del rosario)
  • Acacia (mimosa)
  • Acetosa o erba brusca
  • Achillea
  • Aconito napello o strozzalupo
  • Actea o erba di S. Cristoforo
  • Agapanto
  • Agave
  • Aglaonema
  • Aglio
  • Agrifoglio
  • Agutoli ospinacristi
  • Albero dei paternostri
  • Albero del sapone
  • Albicocco
  • Alchechengio
  • Alloro
  • Alloro americano
  • Aloe vera
  • Amanita
  • Amaranot
  • Amarillys
  • Anagallide
  • Anthurium
  • Araucaria
  • Arisaema triphyllum
  • Asparagina ornamentale
  • Asparagina ricadente
  • Avocado
  • Azalea
  • Bella di notte
  • Belladonna
  • Biancospino
  • Bignonia rampicante
  • Bosso
  • Bucaneve
  • Caladio
  • Calla
  • Calmia ornamentale
  • Calta palustre
  • Campanella rampicante
  • Campanula
  • Canfora
  • Cannarecchia
  • Celastro
  • Cestro
  • Chelroitèria
  • Cicas
  • Ciclamino
  • Cicuta maggiore
  • Ciliegio
  • Ciliegio d’inverno
  • Cineraria
  • Cipolla
  • Clematide
  • Clivia
  • Colchico o zafferano bastardo o croco
  • Coleus
  • Colocasia
  • Columnea
  • Coriaria
  • Cotone egiziano
  • Crisantemo
  • Crocus
  • Croton
  • Cycas revoluta
  • Dafne
  • Dalia
  • Datura o stramonio
  • Delfinio
  • Dicentra
  • Dictictis buccinatoria
  • Diffenbachia
  • Digitale purpurea
  • Dracena delle Canarie
  • Dulcamara
  • Edera
  • Edera terrestre
  • Elleboro
  • Erba medica
  • Erba sudanese o sorgo gentile
  • Eucalipto
  • Euforbia
  • Eupatorium rugosum
  • Evonimo giapponese
  • Fava
  • Felce aquilina
  • Ficus
  • Fiore cardinale
  • Filodendro
  • Fitolacca
  • Garofano
  • Gelsemio
  • Gelsomino
  • Geranio
  • Giacinto
  • Giglio
  • Giglio rampicante
  • Ginepro
  • Giunchiglia
  • Glicine
  • Gissofila
  • Giucastrello marino
  • Giusquiamo
  • Heteromeles arbutifolia
  • Halogeton
  • Idrangea
  • Iperico
  • Ippocastano o castagno d’India
  • Iris
  • Kalanchoe
  • Koelreuteria
  • Lantana
  • Làppola
  • Lauroceraso
  • Licium
  • Ligustro
  • Lillà
  • Lino
  • Lobelia
  • Lonicetra rampicante
  • Lupino
  • Mancinella
  • Maggiociondolo, laburno
  • Mandorlo
  • Marijuana
  • Melanzana
  • Melo
  • Menispermo rampicante
  • Momordica rampicante
  • Monstera o filodendro perforato
  • Morella
  • Mughetto
  • Narciso
  • Noce nero americano
  • Noce moscata
  • Noce vomica
  • Occhio di granchio
  • Oleandro
  • Ornitogalo
  • Ortensia
  • Ortica
  • Oxytropis sericea
  • Papavero
  • Papavero d’Islanda
  • Partenio
  • Patata
  • Peonia
  • Pepe della Carolina
  • Pesco
  • Pervinca
  • Petunia
  • Peyote
  • Phoradendron flavescens
  • Piracanta
  • Pisello ornamentale
  • Pistia stratiotes
  • Podofillo
  • Poliscia
  • Pomodoro
  • Pothos
  • Porro
  • Primula
  • Prugnolo selvatico
  • Prunus
  • Rabarbaro
  • Ranuncolo
  • Robinia o falsa acacia
  • Ricino
  • Rododendro
  • Rudbeckia laciniata
  • Sambuco
  • Sanguinaria
  • Sansevieria
  • Scalogno
  • Schefflera
  • Senecio
  • Senecio succulento
  • Sofora
  • Solano americano
  • Sommaco velenoso
  • Sorgo selvatico
  • Singonio
  • Spinacio
  • Spincervino
  • Spatifillo
  • Stella di Natale
  • Stephanotis
  • Susino giapponese
  • Simplocarpo
  • Tabacco
  • Tabacco ornamentale
  • Tasso
  • Tossicodendro
  • Trifoglio
  • Tulipano
  • Uccello del Paradiso
  • Vischio
  • Vite (uva)
  • Vite vergine
  • Vite americana
  • Wisteria
  • Zygadenus venenosus.

 

Elenco delle piante non tossiche per i gatti

Fermo restando che qualsiasi pianta può diventare un problema per il gatto se ne ingerisce troppa, ecco alcune piante che non sono tossiche per il gatto:

  • Camomilla
  • Cinta
  • Dente di leone
  • Erba gatta o Nepeta cataria (pianta che i gatti amano in maniera particolare)
  • Germogli di graminacee e leguminose
  • Maranta
  • Orchidea
  • Palma gialla
  • Valeriana.

 

Cosa fare se il gatto ingerisce una pianta tossica o velenosa?

Se ti accorgi o hai il sospetto che il tuo gatto abbia ingerito foglie, fiori o altre parti della pianta, la prima cosa da fare è rimuovere gli eventuali resti presenti in bocca e sciacquarla con abbondante acqua. Evita assolutamente di somministrare farmaci o indurre il vomito, meglio contattare subito il veterinario di fiducia e riferirgli il nome della pianta ingerita dall’animale, così che possa dare indicazioni specifiche sul trattamento da effettuare (eventualmente anche contattando il Centro Anti Veleni).

 

Ci sono dei particolari odori che danno fastidio al gatto: scopri quali sono. >>

 

 

Approfondimento: Gourmet