Quali odori infastidiscono i gatti?

Quali odori danno fastidio al gatto?

  • Love

  • Mi piace

  • Sigh

  • Grrrr

24 settembre 2020

pubblicato da: PetPassion Redazione

Dagli agrumi alla banana, ecco l’elenco.

I gatti hanno un olfatto molto sviluppato e sensibile, per loro, quindi, un odore o un profumo quasi impercettibile all’uomo potrebbe risultare troppo forte. Si tratta, inoltre, di animali particolarmente puliti: l’attenzione alla pulizia non fa riferimento solo a loro stessi, ma anche all’ambiente in cui vivono e anche per questo ci sono alcuni odori che li infastidiscono più di altri.

Scopri come funziona l’olfatto felino >>

 

I gatti amano e apprezzano moltissimi profumi e odori, tra quelli che li infastidiscono però, ci sono:

  • Gli odori dovuti alla poca pulizia e alla scarsa igiene;
  • I profumi chimici;
  • Gli odori di determinati frutti e di alcune verdure;
  • L’odore di altri gatti o altri animali;
  • Il profumo di alcune spezie.

 

Elenco dei principali profumi e odori che danno fastidio ai gatti

 

Pesce vecchio

L’odore del pesce è sempre molto forte e quando non è fresco diventa particolarmente fastidioso. I gatti, così come gli uomini, odiano l’odore del pesce andato a male. Quando si offre al micio un boccone prelibato a base di pesce bisogna, ad ogni modo, prestare molta attenzione: il pesce andato a male, infatti, potrebbe causare un’intossicazione alimentare.

 

Agrumi

Nonostante per noi il profumo degli agrumi sia uno dei più amati, per la freschezza e le note estive, i gatti non amano l’odore di limoni, arance, pompelmi… Non solo, i gatti non sopportano nemmeno il loro sapore.

I felini sono talmente tanto disturbati dall’odore degli agrumi che le loro essenze vengono utilizzate come ingredienti per repellenti naturali per gatti. Se stai cercando un modo per non far avvicinare il gatto alle tue piante preferite, ad esempio, puoi spruzzare olio essenziale di agrumi o utilizzare le bucce, spargendole sul terreno.

 

Banana

Come gli agrumi, anche la banana può essere utilizzata come repellente per i gatti: anche questo frutto, infatti, ha un odore particolarmente sgradito ai mici. Non solo, nel caso in cui il gatto dovesse mangiare della banana potrebbe soffrire di episodi di diarrea anche importanti.

Se il tuo gatto ha il vizio di salire sul divano, puoi provare a strofinare la parte esterna della buccia sulla stoffa, l’odore dissuaderà l’amico a quattro zampe.

 

Cipolla

Anche quello della cipolla rientra tra gli odori che danno fastidio ai gatti. Non si conoscono precisamente le cause di questa repulsione, ad ogni modo è bene sapere che la cipolla rientra tra i cibi pericolosi per il gatto: i sulfossidi, infatti, non riescono ad essere metabolizzati dai felini, provocando forme anche gravi di anemia.

 

Pepe e spezie

Le spezie non sono apprezzate, dai gatti, né per il sapore né per l’odore: si tratta probabilmente di un fastidio istintivo, dal momento che il loro organismo non è in grado di metabolizzarle. Qualora il gatto di casa dovesse mangiare pepe, o spezie in generale, potrebbe infatti soffrire di vomito e diarrea.

Il pepe può comunque essere usato come repellente, macinato e sparso sulle foglie delle piante del giardino, per non far avvicinare i gatti.

 

Aceto

I gatti odiano l’odore dell’aceto, probabilmente per il suo essere molto forte. Se passato sui mobili di casa, infatti, è in grado di tenere il gatto lontano da sedie, divani, tappeti

 

Piante

Nonostante, in generale, i gatti amino il verde e i fiori, ci sono alcune specifiche piante che non sono particolarmente apprezzate da alcuni esemplari, proprio per l’odore. È il caso, ad esempio, del geranio, del limone e della lavanda. Non amando, poi, l’odore della cipolla, anche la sua pianta da fastidio al gatto, così come l’erba cipollina.

Scopri le piante pericolose per i gatti >>

 

Pino

Non bisogna farsi trarre in inganno dal fatto che, spesso, la sabbietta per la lettiera del gatto viene proposta in versione aromatizzata al pino. Questo odore potrebbe essere non apprezzato dal micio, se troppo intenso.

Fai attenzione, quindi, quando acquisti la sabbietta: se preferisci la versione aromatizzata assicurati che l’odore non sia troppo forte, o potrebbe ottenere l’effetto contrario. In alternativa scegli altre profumazioni.

 

Eucalipto

L’eucalipto rientra tra gli odori fastidiosi per i gatti, i suoi oli essenziali risultano infatti troppo intensi per il suo olfatto.

 

Odore di altri gatti

Se il gatto di casa è abituato a convivere con un altro esemplare, allora il problema non si pone. Ai gatti, infatti, dà fastidio l’odore di mici che non conoscono, e che quindi invadono il loro territorio. I felini sono animali fortemente territoriali e che segnano il loro passaggio lasciando il loro odore e i loro feromoni.

 

Lettiera sporca

Essendo animali attenti alla pulizia, i gatti non amano utilizzare la lettiera quando non è pulita. Trovare la sabbietta sporca e maleodorante potrebbe quindi dissuadere il gatto dal fare i propri bisogni all’interno della lettiera. Se il tuo amico a quattro zampe, quindi, non usa la lettiera, controlla che sia pulita.

Leggi anche: “Lettiera per gatti: quale scegliere per l’igiene del tuo felino” >>

 

Detergenti e deodoranti

Che si tratti di detergenti, detersivi, deodoranti o profumi, il gatto non apprezza gli odori chimici, che sono spesso troppo forti. È quindi opportuno scegliere prodotti con aroma neutro, per evitare di dare fastidio al micio di casa.

Fai attenzione, quindi, quando scegli i prodotti per la cura personale e la pulizia della casa, ma anche per la lettiera del gatto e le sue ciotole.

 

 

 

Approfondimento: Purina