6 giugno 2012

pubblicato da: Redazione PetPassion

Vengono dal canile di Mirandola e si chiamano Pepe e Aaron, i due cani che si sono lasciati alle spalle la devastazione del terremoto che ha colpito l’Emilia. Come già successo in occasione del terremoto in Abruzzo, responsabili di A.P.A.R., realtà che gestisce il canile di Gallarate, hanno offerto la propria collaborazione per alleviare lo […]

Foto | Flickr

Foto | Flickr

Vengono dal canile di Mirandola e si chiamano Pepe e Aaron, i due cani che si sono lasciati alle spalle la devastazione del terremoto che ha colpito l’Emilia.

Come già successo in occasione del terremoto in Abruzzo, responsabili di A.P.A.R., realtà che gestisce il canile di Gallarate, hanno offerto la propria collaborazione per alleviare lo stato di emergenza.

Tra gli sfollati ci sono molti proprietari di cani ma solo gli animali di piccola taglia possono stare nelle tendopoli con i rispettivi padroni. Il sovraffollamento delle strutture preposte, stress e aggressività fra cani non abituati a convivere, difficoltà nello sfamare e curare tutti gli ospiti sono le ovvie conseguenze della situazione.

Di qui la necessità di un’accoglienza temporanea, sperando di trovare velocemente un affido, in modo da aiutare concretamente gli operatori delle aree colpite, salvaguardare la salute dei cani e permettere ai loro proprietari di concentrarsi sulla ricostruzione.

Chi volesse maggiori informazioni può consultare il sito internet www.caniliapar.it.

Questa è inoltre un’ occasione per scoprire le attività portate avanti da operatori e volontari.