11.07_Soccorrere-cane-abbandonato

Soccorrere un cane abbandonato: cosa fare e come aiutarlo

by • 11 luglio 2018 • Da sapere sul cane, SliderComments (0)26038

Aiutare un cane abbandonato è un gesto molto nobile e umano, ma bisogna considerare che ci sono delle procedure di legge da seguire.

 

La piaga dell’abbandono dei cani è qualcosa che ci funesta tutto l’anno, ma che in estate tocca il suo apice. Vuoi perché ci sono delle persone che decidono di disfarsi in questo modo del cane perché devono andare in vacanza, vuoi perché tieni finestre e balconi aperti con il rischio che il cane scappi, ecco che d’estate tutta l’Italia è interessata da un aumento del fenomeno del randagismo. E’ importante sapere cosa fare quando si trova un cane abbandonato, anche dal punto di vista della legge, per non incorrere in sanzioni.

 

Cane abbandonato: cosa fare in prima battuta

Cosa fare in prima battuta quando bisogna soccorrere un cane abbandonato? Quando si nota un cane abbandonato o vagante per strada, prima ancora di pensare di chiamare qualcuno (cosa che, comunque, va fatta), bisogna mettere in sicurezza il cane. Se il cane è collaborativo, si cerca di toglierlo da in mezzo alla strada prima che venga investito da qualche auto, lo si blocca con un guinzaglio, lo si chiude dietro un cancello: insomma, si fa in modo che il cane sia al sicuro.

Questo è fondamentale: chiamare chi di dovere è giusto, ma se il cane non è stato messo in sicurezza o fermato, chi deve venire a recuperarlo come fa?

 

Chi chiamare quando si trova un cane abbandonato?

Una volta messo in sicurezza, in caso di cani abbandonati la procedura varia leggermente da regione a regione e da provincia a provincia. In generale bisognerebbe chiamare i Vigili (o i Carabinieri se il tutto avviene quando i Vigili non sono disponibili), i quali dovrebbero allertare i Servizi Veterinari dell’Asur competente, la quale dovrebbe inviare il tecnico Asur di turno per recuperare il cane, portarlo in canile, leggere il microchip e ritrovare il proprietario.

A volte, comunque, le procedure previste non funzionano come dovrebbero. Alcune province vogliono che ad essere chiamata per prima sia l’Asur, altre richiedono di passare attraverso il centralino dell’ospedale di zona.

 

Come soccorrere un cane abbandonato?

Soccorrere un cane abbandonato non è sempre facile. A volte ci sono cani docili e socievoli che si fanno prendere e mettere in sicurezza in maniera semplice e sicura. Altre volte, invece, il cane non si fa prendere e tende a scappare appena avvista un essere umano. In questi casi, dopo aver segnalato la presenza di un cane vagante che non si fa prendere a Vigili e Asur, conviene contattare una delle associazioni di zona che aiutano nel recupero di animali vaganti: talvolta bisogna organizzare delle ricerche vere e proprie che possono durare anche settimane o mesi prima di riuscire a prendere un cane schivo e spaventato.

Se il cane è ferito, cercate di muoverlo il meno possibile (salvo la raccomandazione di metterlo in sicurezza). Se possibile, utilizzate una coperta per avvolgerlo e fate molta, molta attenzione: cani feriti, spaventati o doloranti possono mordere dal dolore.

 

Esiste un Pronto Soccorso per animali?

In teoria non esiste un Pronto Soccorso per animali valido per tutta l’Italia. Per intenderci: non c’è un 118 nazionale veterinario. Se il cane viene preso dal tecnico Asur, sarà cura del canile e del veterinario responsabile prendersi cura del paziente.

Nel caso in cui decidiate di portare il cane dal vostro veterinario o dal veterinario di zona più vicino o in un ospedale/clinica veterinaria che faccia servizio 24/24, fate attenzione: si tratta di strutture private, non convenzionate, per cui le spese della visita e di eventuali esami/terapie ricadono su colui che porta l’animale a visita, indipendentemente dal fatto che sia il proprietario o meno.

Una precisazione importante: non potete assolutamente tenere con voi un cane abbandonato. Un conto è bloccarlo temporaneamente per permettere al tecnico dell’Asur di venirlo a prendere, un conto è decidere di tenerselo. Si tratta, infatti, di un furto, di un’appropriazione indebita: se si fa vivo il proprietario e scopre che avete trattenuto il cane senza attuare la procedura prevista (avvisare Vigili e Servizi Veterinari dell’Asur affinché possano provvedere al recupero), potrebbe denunciarvi per furto.

 

 

CREDITS:
Immagine di copertina: Shutterstock
Approfondimento: Purina Proplan

 

Pin It

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *