5 settembre 2018

categoria: Nutrizione, Slider

pubblicato da: Redazione PetPassion

Nella dieta del gatto è fondamentale garantire il giusto apporto di taurina, ma a cosa serve?

Uno degli amminoacidi che non devono mai mancare nella dieta del gatto è la taurina. Ecco in quali alimenti si trova.

 

Quando si parla di alimenti per gatti, non si può non citare la taurina. Si tratta di un amminoacido essenziale per i felini, che i gatti devono introdurre necessariamente con la dieta perché il loro organismo non è in grado di produrne abbastanza in autonomia. È importante fornire cibo per gatti corretto ed equilibrato, in grado di soddisfare tutti i fabbisogni nutrizionali dei gatti, senza provocare carenze o eccessi.

 

Che cos’è la taurina

La taurina è un amminoacido essenziale per i gatti: si tratta di uno di quegli amminoacidi che deve essere introdotto obbligatoriamente con la dieta perché non viene prodotto (o ne viene prodotto pochissimo) dall’organismo dei gatti. La taurina viene sintetizzata a partire da un altro amminoacido, la cisteina.

Non venendo sintetizzata in sufficiente quantità dall’organismo dei gatti, ecco che i nostri felini devono per forza integrarla con la dieta.

 

Dove si trova la taurina?

La taurina è praticamente assente nei vegetali, per cui cosa mangiano i gatti per integrarla? Ebbene, la carne, ma anche uova o pesce. La taurina è, infatti, abbondante nella carne rossa. Il che spiega perché il gatto non può essere vegetariano o vegano, bensì deve essere considerato un carnivoro stretto.

 

Carenza di taurina nei gatti: malattie

Una dieta scorretta o non correttamente equilibrata può portare il gatto a sviluppare diverse gravi malattie da carenza di taurina. Inoltre, una carenza di taurina si può manifestare anche nei gatti anoressici, che non mangiano a causa della concomitante presenza di altre patologie.

Una carenza di taurina nel gatto provoca danni alla muscolatura, agli occhi e al sistema nervoso centrale. In particolar modo, la carenza di taurina è la causa principale di sviluppo di cardiomiopatia dilatativa nel gatto, con conseguente insufficienza cardiaca. Il problema è che questi danni spesso sono irreversibili. Se si interviene con la correzione della dieta e la giusta integrazione, è possibile che la patologia rallenti il suo decorso, ma i danni che si sono già instaurati non saranno risolvibili.

 

Come integrare la taurina nella dieta del gatto

Ma come nutritre il tuo gatto per evitare carenze di taurina? I cibi commerciali di buona qualità, sia secchi sia umidi (quindi crocchette e scatolette), solitamente sono già equilibrati e contengono i giusti fabbisogni di taurina necessari per una corretta dieta del gatto.

In condizioni particolari, quindi nel caso di anoressia o di gatto che non mangia, è possibile che il vostro veterinario prescriva appositi integratori ricchi di taurina, in modo da somministrare quelli che il gatto non assume con il cibo.

 

Cosa possono mangiare i gatti e cosa invece è nocivo?

I felini hanno delle esigenze nutrizionali completamente diverse da quelle umane, ecco perché non bisognerebbe mai somministrargli a cuor leggero alimenti senza prima avere le giuste informazioni, soprattutto se si tratta di avanzi…

Continua a leggere l’argomento!