30 novembre 2018

pubblicato da: PetPassion Redazione

Chi vuole far felice il proprio gatto, clicchi qui!

Come fare a rendere il tuo gatto felice attraverso una migliore comprensione del suo linguaggio e del significato di alcuni atteggiamenti.

 

Quante volte hai osservato il comportamento del tuo gatto e non sei riuscito a capire se fosse effettivamente felice? Il linguaggio del gatto è sicuramente diverso da quello dell’uomo, ma ciò non significa che sia impossibile da comprendere. Anzi, spesso molte delle opinioni più diffuse sulla felicità del gatto sono più credenze e luoghi comuni che non verità effettive.

Per esempio, molti credono che i gatti sono felici soltanto se possono girovagare all’aperto, ma nei fatti non è del tutto vero. I gatti domestici sono abituati ad agi e lussi che i gatti “di strada” invece possono soltanto sognare. Inoltre, hanno in genere una vita più lunga rispetto ai randagi, perché sono meno esposti a pericoli, come le auto, le malattie, altri predatori. Un motivo in più per essere felici, insomma. Che cosa si può fare per rendere più felice il proprio gatto? Ecco 5 consigli da mettere in pratica per rendere la sua vita più bella.

 

1. Un gatto felice ha bisogno del suo spazio

I gatti sono animali abitudinari: hanno bisogno di uno spazio che possono e devono considerare il loro territorio. Per questo motivo, è molto importante creare un ambiente che permetta al gatto di riposare e godere di privacy e tranquillità. Un gatto felice è un felino che non si sente minacciato da altri animali perché, essendo un predatore, ha bisogno di avere la supremazia dello spazio in cui vive. Tenere le finestre aperte e permettere al gatto di osservare il mondo all’esterno è un altro espediente per contribuire alla sua felicità. Per ricreare lo spazio esterno, si può anche valutare l’acquisto di una parete attrezzata per gatti, che possa dar loro la possibilità di arrampicarsi e stare in alto, il posto che in genere preferiscono.

 

2. Gatto felice = coccole e giochi

I gatti da appartamento, non potendo scorrazzare la notte in cerca di prede, hanno comunque bisogno di muoversi per smaltire le energie in eccesso accumulate a causa della sedentarietà. Per questo motivo, è bene non dimenticarsi mai di giocare con il proprio gatto. Giocattoli consigliati sono quelli che permettono al gatto di correre, nascondersi, afferrare, ma anche quelli più interattivi come i puntatori laser o i puzzle. Dopo una bella giocata, una grande dose di coccole è il modo migliore per ricompensare il gatto dopo la fatica del gioco.

 

3. Felicità è una ciotola sempre piena

Il cibo è sempre fonte di grande soddisfazione. Lo è per noi e lo è, indubbiamente, anche per il nostro amico gatto. Questo non significa che la ciotola deve straripare in ogni momento del giorno, perché altrimenti si rischia di esagerare e di dare al gatto più cibo di quello che effettivamente gli serve. Però non bisogna fare l’errore inverso, ovvero quello di dimenticarsi di dargli la giusta quantità di cibo perché si ha una vita troppo frenetica e non si ha tempo.

 

4. Felicità è bisogno di graffiare

Graffiare è un’azione del tutto naturale per un gatto. Per evitare di ritrovarsi con il divano nuovo di zecca completamente rovinato dagli artigli del proprio felino, si opta quasi sempre per un tiragraffi, oggetto pensato proprio per andare incontro a questa inclinazione innata dei gatti. In alternativa, si possono anche disporre in casa tappeti, corde o cartoni che possano permettere loro di “rifarsi le unghie” quando ne hanno il bisogno. Il risultato? Un gatto super felice.

 

5. Gatto felice: il bisogno di compagnia

Infine, un gatto felice è un gatto che può godere della compagnia del proprio padrone. Non bisogna mai fare l’errore di pensare che il gatto possa stare solo perché, soprattutto se abituato a un certo tipo di vita, stare in solitaria potrebbe solo fargli del male.  Quindi, ritornando al secondo consiglio, per fare in modo che il proprio gatto sia felice non bisogna mai lasciarlo del tutto solo. Giochi e coccole rafforzeranno il vostro legame e, nel caso in cui non lo possiate fare, potete comunque assumere una catsitter per aiutarvi a fargli compagnia.

 

Le 10 cose di cui il tuo gatto non può fare a meno

Ecco le cose che i mici più amano, dalle coccole e strusciamenti, passando per il cibo, il sonno, il gioco, osservare gli uccellini e farsi le unghie, e ancora appollaiarsi in improbabili posti…

>> Leggi l’approfondimento

 

CREDITS:

Immagine di copertina: Shutterstock

Approfondimento: Friskies