16 luglio 2018

pubblicato da: Redazione PetPassion

La Redazione di Petpassion.tv riceve e pubblica. CONTRO I MASSACRI DI CANI IN SPAGNA IN MIGLIAIA DISDICONO LE VACANZE Roma (16 luglio 2010) Continua la protesta contro i massacri di cani nelle perreras (canili comunali) spagnoli, dove ogni anno centinaia di migliaia di cani vengono ammazzati in maniera crudele dopo solamente pochi giorni di presenza […]

0047-1La Redazione di Petpassion.tv riceve e pubblica.

CONTRO I MASSACRI DI CANI IN SPAGNA IN MIGLIAIA DISDICONO LE VACANZE

Roma (16 luglio 2010) Continua la protesta contro i massacri di cani
nelle perreras (canili comunali) spagnoli, dove ogni anno centinaia di
migliaia di cani vengono ammazzati in maniera crudele dopo solamente
pochi giorni di presenza in canile. (I cani portati dai privati vengono
uccisi dopo 10 giorni mentre quelli randagi vengono soppressi 20 giorni
dopo la loro entrata in canile).
Sono oramai migliaia le adesioni alla proposta dell’Associazione
Italiana Difesa Animali ed Ambiente – AIDAA di boicottare le vacanze in
Spagna per questa estate chiedendo contemporaneamente la fine del
massacro dei cani spagnoli inviando una mail all’ambasciata spagnola. Ad
oggi in Italia ci sono almeno tre gruppi operativi che con immense
difficoltà salvano ogni anno un piccolo gruppo di cani spagnoli che
vengono poi portati in Italia e fatti adottare salvandoli da morte
certa. Noi ovviamente sosteniamo questi gruppi anche se il nostro
obiettivo è quello di arrivare alla fine dei massacri direttamente in
Spagna, nazione che aderisce all’Unione Europea ma che in materia di
tutela di animali è lontano anni luce rispetto agli standard minimi
previsti dalle stesse normative comunitarie. Al momento sono circa 5.000
gli italiani che hanno disdetto o hanno deciso di non andare in vacanza
in Spagna già  a partire da questo mese di Agosto.
“Chiediamo alla Spagna di smetterla con queste assurde uccisioni dei
cani – ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA – e di
adeguarsi alle normative europee per la tutela degli animali, e in
questo caso non parliamo solo dei cani. Nello stesso tempo – prosegue
Croce – noi abbiamo in mente di rivolgerci a settembre alla corte
europea per chiedere una condanna nei confronti della Spagna proprio per
violazione delle normative europee di tutela degli animali e per la
crudeltà utilizzata contro gli animali a partire dalle feste di paese
fino agli omicidi di cani nelle perreras”.

AIDAA a settembre sarà in piazza a Roma per protestare contro
l’uccisione dei cani in perreras.
Per protestare inviare una email a [email protected]
<http://webmail.aidaa.net/src/[email protected]>

/Per info 3478883546-3926552051/