25 settembre 2018

categoria: Storie di animali

pubblicato da: Marina Naddeo

E’ morto Boh, il cocker spaniel gettato vivo in un cassonetto dell’immondizia dal suo proprietario e poi adottato dalla sua salvatrice. Il cane era gravemente malato Il colpevole dell’orribile gesto è un’ottantenne ex militare di Campi Bisenzio. La vittima è Mignon, un vecchio cane di razza cocker spaniel. Il cane era stato prima ferito dall’uomo, […]

E’ morto Boh, il cocker spaniel gettato vivo in un cassonetto dell’immondizia dal suo proprietario e poi adottato dalla sua salvatrice. Il cane era gravemente malato

Cocker gettato vivo nel cassonetto

Il colpevole dell’orribile gesto è un’ottantenne ex militare di Campi Bisenzio. La vittima è Mignon, un vecchio cane di razza cocker spaniel. Il cane era stato prima ferito dall’uomo, nel tentativo di estrarre il microchip, poi chiuso in un bustone di plastica e gettato ancora vivo nel cassonetto della spazzatura.

Qualche giorno fa una signora aveva sentito dei lamenti provenire da una grossa busta nera sigillata col del nastro adesivo. Dentro la busta c’era Mignon. Sono state subito allertate le guardie zoofile dell’Enpa. Il cane è stato salvato ed attualmente si trova ricoverato in una clinica veterinaria fiorentina, ancora in condizioni precarie.

Il colpevole è stato individuato grazie ad un appello diffuso dall’Enpa, che ha ricevuto oltre 320 segnalazioni in pochi giorni. L’uomo, denunciato per maltrattamento, abbandono e atti crudeli nei confronti di animali, ha tentato di discolparsi sostenendo “ero convinto che il cane fosse già morto“.

Carla Rocchi, Presidente Nazionale dell’Enpa, ha dato voce al pensiero di molti, dichiarando: «serve una condanna esemplare: abbandonare un animale con il quale si è condivisa una vita e non sostenerlo nel momento di maggior bisogno denota una tale malvagità da far pensare che la psicologia di queste persone soffra di gravi disturbi e deficit che potrebbero essere pericolosi anche per gli uomini».

Aggiornamento al 21 febbraio 2013: Mignon è stato adottato dalla sua salvatrice

Costanza Giovannoni, la donna che nei primi giorni di febbraio aveva salvato Mignon, trovandolo per caso in un cassonetto della periferia di Firenze, ha deciso di aiutare nuovamente il cane. La donna ha infatti compiuto un gesto d’amore adottando questo sfortunato cocker spaniel, nonostante il cane sia in età avanzata e soffra per un tumore al cervello. Un lieto fine per Mignon, che potrà trascorrere la sua vecchiaia amato come merita. Nella sua nuova vita Mignon si chiamerà Boh.

Aggiornamento al 25 marzo 2013: Boh è morto

Il cocker Boh, diventato famoso per la sua triste storia di abbandono, è morto nella sua nuova casa. Aveva un tumore incurabile al cervello che l’ha portato via, proprio ora che aveva trovato una famiglia adottiva che lo ha curato e amato fino alla fine, come meritava.