4 giugno 2012

pubblicato da: Redazione PetPassion

Vita dura per i nostri amici a quattro zampe, in pratica i cani oltre i 10 kg non possono più viaggiare in treno: esclusi da Italo,  Freccia Rossa ed Eurostar, accettati soltanto con grandi restrizioni solo in treni Regionali e Intercity, i quali oltretutto stanno andando a diminuire drasticamente. La questione si è riaccesa in […]

Foto | Flickr

Foto | Flickr

Vita dura per i nostri amici a quattro zampe, in pratica i cani oltre i 10 kg non possono più viaggiare in treno: esclusi da Italo,  Freccia Rossa ed Eurostar, accettati soltanto con grandi restrizioni solo in treni Regionali e Intercity, i quali oltretutto stanno andando a diminuire drasticamente.

La questione si è riaccesa in parlamento, ha risposto il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Corrado Passera. Nella risposta si parla di “ rischio allergie e fobie” da parte dei viaggiatori. Non è chiaro però  il perché tali rischi non debbano ricadere anche sulle taglie piccole e medie, o valere anche per i pochi treni Regionali e Intercity o per i luoghi pubblici di tutta Italia.

Nel resto d’Europa la situazione è ben diversa. L’ Alta Velocità europea Tgv ammette i cani in tutte le tipologie di treno ad eccezione degli Eurostar.

Nel Regno Unito i cani possono essere anche due per ogni persona, senza limiti di taglia, e viaggiano sempre gratis. Si chiede guinzaglio e non la museruola.

In Francia tutti i cani viaggiano in tutti i treni e anche gratis, eccetto i cani di taglia grande che pagano il 50% del biglietto.

In Germania i cani piccoli e medi viaggiano gratis, quelli grandi pagano metà prezzo. Anche qui guinzaglio e non museruola.

Secondo il regolamento di Trenitalia invece tutti i cani pagano il 50% del biglietto, devono avere la museruola e il guinzaglio.

Come detto prima, i cani  di taglia media e grande possono viaggiare solo sui treni Regionali e Intercity, purché con guinzaglio e museruola e solo nell’ultima carrozza di seconda classe. Ma non è chiaro neppure se

Non è chiaro se i padroni debbano avere con sé la museruola o farla indossare per tutto il viaggio. Il problema è che i cani usano la bocca per regolare il calore corporeo, e la museruola è considerata una tortura dai veterinari oltre che un danno per la salute.

Sui treni regionali comunque, i cani possono viaggiare solo sulla piattaforma dell’ultima carrozza, ma non dalle 7 alle 9 del mattino dei giorni feriali dal lunedì al venerdì.

Con queste premesse ci sembra davvero difficile poter portare il proprio cane in viaggio, a meno che non si utilizzi un mezzo privato… vi sembra giusto?