10 febbraio 2020

pubblicato da: PetPassion Redazione

Ecco qualche consiglio su come chiamare il tuo micio.

Scegliere i nomi per gatti più adatti ai propri amici a quattro zampe non è sempre facile: ecco qualche spunto dal mondo del cinema e della letteratura.

 

Se nella tua famiglia c’è un nuovo arrivato, un piccolo micio pronto a giocare con te, è fondamentale trovargli un nome appropriato. La scelta dei nomi per gatti cuccioli è tanto difficile quanto importante per far sì che il micio ascolti i tuoi richiami.

Presi dall’euforia e dalla voglia di trovare un nome particolare è facile trovarsi sommersi da lunghe liste di nomi per gatti cuccioli originali e stravaganti. C’è poi invece chi, per trovare il nome che meglio si addice al carattere del proprio micio, gli attribuisce l’aggettivo che più lo descrive.

Il consiglio in generale è di scegliere nomi di gatti che piacciano davvero, che siano creativi, idonei e, soprattutto, che siano in grado di suscitare anche nel proprietario, nel momento del richiamo, un sentimento di allegria. È importante infatti chiamare il proprio micio pronunciando il suo nome in maniera dolce e affettuosa, specialmente nei primi giorni in cui il gatto entra in casa, in modo che lui stesso possa poi associare il nominativo a qualcosa di positivo. Per aiutarlo a memorizzare il suo nome è buona abitudine ripeterlo più volte quando ti stai riferendo a lui.

Ma quali possono essere quindi dei nomi per gatti femmine e maschi provenienti dall’ambiente del cinema e della letteratura?

 

Nomi di gatti famosi nel cinema

Per quanto riguarda i nomi per gatti provenienti da film e fiction si può cominciare con Figaro, il gatto bianco e nero che fa la sua prima comparsa nel film Disney di “Pinocchio” (1940). Rimanendo in tema Disney non si può non nominare gli “Aristogatti”, Duchessa, Romeo, Minou, Matisse, Bizet, Peppo e Scat Cat.

Se invece ti piacciono i film Western e vuoi un nome altisonante per il tuo amico a quattro zampe puoi prendere spunto dal Generale Sterling Price del film “Il Grinta” del 1969. Nel 2004 arriva poi sui grandi schermi il film “Garfield”, uno dei gatti più famosi della storia. Garfield è quindi una valida idea come nome per gatti maschi vivaci e soprattutto arancioni.

Per gli amanti della magia e di Harry Potter c’è Grattastichi, il gatto che dà confidenza solo a chi se lo merita. Nei film commedia troviamo Sfigatto il gatto del film “Ti presento i miei” con Rober De Niro.

 

Nomi per gatti maschi famosi nella letteratura

Se siete amanti della letteratura è facile che nella lunga lista di nomi per gatti ci finiscano i classici Aristotele, Amleto, Otello, Platone.

Venendo a nomi per gatti più attuali ne “Il gatto nero” di Edgar Allan Poe il protagonista si chiama Pluto ed è un gatto elegante e particolarmente bello, dotato di un’intelligenza sbalorditiva. Nel mondo delle favole in “Alice nel Paese delle Meraviglie” di Lewis Carroll, c’è Stregatto, il gatto dal largo sorriso. Felino dal color cenere, erudito e amante delle arti è invece il gatto Murr nel libro di Ernst Theodor Amadeus Hoffmann “Considerazioni filosofiche del Gatto Murr”.

Più vicino ai bambini è invece il racconto de “La storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare” di Luis Sepúlveda. Il grosso micio nero Zorba si vede affidare un uovo di gabbiano, di cui si prenderà cura insegnando al giovane volatile a volare.