29 luglio 2015

pubblicato da: Redazione PetPassion

Proprio come noi umani, anche i gatti possono soffrire di intolleranze alimentari verso alcuni cibi. Vediamo quali sono i principali sintomi e come è possibile risolvere il problema. Come mi accorgo che il mio gatto ha un’intolleranza alimentare? Non è semplicissimo accorgersi di un’intolleranza, sia perchè le reazioni che possono manifestarsi sono varie e associabili […]

Proprio come noi umani, anche i gatti possono soffrire di intolleranze alimentari verso alcuni cibi. Vediamo quali sono i principali sintomi e come è possibile risolvere il problema.

Come mi accorgo che il mio gatto ha un’intolleranza alimentare?
Non è semplicissimo accorgersi di un’intolleranza, sia perchè le reazioni che possono manifestarsi sono varie e associabili anche ad altre problematiche, sia perchè l’intolleranza può comparire all’improvviso, anche verso un alimento che il gatto ha sempre mangiato. In linea generale, i principali sintomi di un’intolleranza alimentare sono:

  • prurito
  • dermatite
  • alopecia (zone del corpo prive di pelo)
  • infezioni cutanee (dovute all’eccessivo strofinamento del gatto per ridurre il prurito)
  • vomito
  • diarrea

nutrizionista-gattoCosa devo fare se il mio gatto ha un’intolleranza alimentare?
Se il gatto mostra questi sintomi, è opportuno fare una visita dal veterinario, che troverà la giusta alimentazione per evitare la loro comparsa. In genere viene prescritta la cosiddetta “dieta ad eliminazione“:  si tratta di un’alimentazione specifica a base di alimenti ipoallergenici, come orzo, patate e carni diverse da quelle utilizzate normalmente.

È fondamentale in questa fase non fare alcuna eccezione, quindi non cedere alla tentazione di dare al gatto cibi al di fuori di quelli prescritti dal veterinario. Questa regola vale in generale nell’alimentazione del gatto, per cui è opportuno non somministrargli mai alimenti al di fuori dei pasti (leggi quante volte al giorno deve mangiare il tuo gatto »). Se hai qualche dubbio puoi contattare il nutrizionista Purina One, che saprà darti maggiori indicazioni sui cibi da evitare.

Se, a seguito del periodo di dieta, il gatto non mostra più alcun sintomo, significa che l’intolleranza è confermata e quindi è necessario continuare con la dieta indicata o comunque seguire le indicazioni del veterinario. Se invece, nonostante il regime alimentare variato, l’intolleranza continua a manifestarsi, potrebbe essere necessario reinserire uno per volta i cibi abituali, per individuare quello verso il quale il gatto dimostra l’intolleranza.

Foto di copertina: moonstar76