Gatto affetto

Il mio gatto mi vuole bene?

  • Love

  • Mi piace

  • Sigh

  • Grrrr

22 novembre 2016

pubblicato da: Redazione PetPassion

Tutti quelli che hanno un gatto si sono posti almeno una volta questa domanda: il mio gatto mi ama, prova affetto per me? Il carattere del gatto è discreto, silenzioso, a volte distaccato, aspetti che alimentano il mito che i gatti siano egoisti ed altezzosi, non disposti a scendere a compromessi che possa alterare la […]

Tutti quelli che hanno un gatto si sono posti almeno una volta questa domanda: il mio gatto mi ama, prova affetto per me? Il carattere del gatto è discreto, silenzioso, a volte distaccato, aspetti che alimentano il mito che i gatti siano egoisti ed altezzosi, non disposti a scendere a compromessi che possa alterare la loro indole felina.

Innanzitutto è fondamentale fare una distinzione: non tutti i gatti sono uguali. Ci sono alcuni felini più propensi alle coccole, ovvero gatti più affettuosi, ed altri più diffidenti e solitari. Ma in entrambi i casi, nonostante il loro comportamento, i gatti sono molto legati al loro umano, e quindi gli vogliono bene, nel senso “umano” del termine. Ovviamente il loro modo di amare non è lo stesso del cane, e non è quello che ci “aspettiamo” come persone. I gatti amano da gatti, ovvero a modo loro.

Il gatto difficilmente risponderà ai nostri comandi di addestramento, e probabilmente non ci correrà incontro appena rientrati a casa, semplicemente perchè la sua indole è completamente diversa da quella del cane. Il gatto per sua natura di predatore è molto avvezzo alla vita solitaria, e quindi si comporta in modo più indipendente rispetto al cane. Il gatto può bastare a se stesso, e questa sua incredibile capacità di adattamento gli conferisce un’aura di distacco da tutto il resto del mondo, umani compresi.

In realtà, questa è solo una conseguenza della loro natura di predatori, che li ha portati a cavarseli da soli  senza avere troppe debolezze, che potrebbero costargli la vita in un confronto con altri predatori.

Come per tutti gli animali, anche i gatti però sono estremamente “sinceri”, nel senso che le loro testimonianze di affetto, come le fusa, non possono mai essere finte, perchè frutto del loro istinto. Tuttavia, la loro natura gli impone di amare a modo loro, senza fare qualcosa che non vorrebbero fare, senza rinunciare alla loro indole di gatto. E’ per questo motivo che i gatti molto difficilmente ubbidiscono e non sono accondiscendenti al pari dei cani.

Appurato che il nostro gatto ci ama, potremmo capire meglio i segnali di questo affetto, analizzando il suo comportamento e scoprendo se compie almeno una delle 5 azioni che indicano l’amore di un gatto. E’ vero inoltre che non tutti i gatti sono uguali, ci sono studi scientifici che dimostrano che i gatti abituati alle carezze sin dai primi giorni di vita, saranno più inclini alle coccole da adulti. Per contro, i cuccioli che non hanno avuto contatto con un umano fin dalla nascita saranno più diffidenti e sulla difensiva rispetto ai primi.

Tranquillizzatevi amici gattofili – è davvero capace di affettività. Solo che il suo linguaggio è un po’ raffazzonato, è un po’ dell’ultima ora. Lui non parla chiaro come il cane. Anche per questo, forse, è così misteriosamente affascinante.” Danilo Mainardi

 

Gatto e coccoleVuoi saperne di più sul comportamento del gatto? Leggi anche…

Il gatto vuole le coccole? Ecco come soddisfarlo al meglio

Carezze e coccole al gatto sì, ma come dicono loro: il rapporto tra le effusioni e il micio di casa è molto delicato e si impara… direttamente sul campo.
Ma per chi vuole saperne di più, esistono punti in cui i gatti davvero adorano essere accarezzati e altri in cui è meglio non disturbarli affatto…

» Continua a leggere l’articolo

 

CREDITS:
Immagine di copertina: Alessandra e Dorian di alepats
Approfondimento: Purina GOURMET®