15 settembre 2010

pubblicato da: Redazione PetPassion

Il Bioparco aderisce ai festeggiamenti per i 140 anni di Roma Capitale domenica 19 settembre con una giornata per le famiglie di incontri con lo staff zoologico. Gli appuntamenti con l’attività ‘Incontra i guardiani’ saranno alle ore 12.00 presso l’area degli elefanti asiatici e alle 15.30 al Villaggio dei macachi del Giappone Durante gli incontri i guardiani descriveranno […]

elefantesseIl Bioparco aderisce ai festeggiamenti per i 140 anni di Roma Capitale domenica 19 settembre con una giornata per le famiglie di incontri con lo staff zoologico.

Gli appuntamenti con l’attività ‘Incontra i guardiani’ saranno alle ore 12.00 presso l’area degli elefanti asiatici e alle 15.30 al Villaggio dei macachi del Giappone

Durante gli incontri i guardiani descriveranno in diretta abitudini e comportamenti delle elefantesse Nelly e Sofia e del gruppo dei 92 macachi, svelandone curiosità e segreti, e saranno a disposizione per rispondere alle domande di grandi e piccini.

L’attività è gratuita, compresa nel biglietto di ingresso al Bioparco.

elefantesse2LE 2 ELEFANTESSE – Gli elefanti sono animali altamente sociali, possiedono un complicato vocabolario di versi, in parte udibili anche dall’orecchio umano, ma la maggior parte in infrasuoni. Ogni individuo, inoltre, possiede una spiccata personalità e le due quarantenni elefantesse del Bioparco ne sono un esempio: Nelly è più intraprendente, Sofia è più timida e paurosa; entrambe sono estremamente gelose l’una dell’altra.

macachiIL GRUPPO DEI MACACHI – Il Villaggio dei Macachi ospita 92 individui, molto attivi durante il giorno. I pasto di questi primati consiste in verdura e frutta mista di stagione, carote o patate lesse. Il cibo viene distribuito all’interno e sparso in modo omogeneo per far sì che tutti riescano a mangiare; inoltre lo “scatter feeding” (spargere il cibo) è uno degli strumenti per fare arricchimento ambientale, permette infatti agli animali di ottenere il cibo con maggiore difficoltà e quindi di ragionare e giocare; anche gli arredi (corde e tronchi) fanno parte dei programmi di arricchimento ambientale.

Foto credit: Massimiliano Di Giovanni – Archivio Bioparco