Vibrisse gatto

Vibrisse del gatto: ecco a cosa servono

  • Love

  • Mi piace

  • Sigh

  • Grrrr

5 gennaio 2019

pubblicato da: Redazione PetPassion

I baffi dei gatti, chiamati vibrisse, forniscono ai nostri gatti importanti e dettagliate informazioni sui movimenti dell’aria, della pressione atmosferica e delle cose che toccano…   Le vibrisse dei gatti, comunemente note come baffi, sono quei lunghi e rigidi peli che spuntano dalle guance del felino. Alcuni potrebbero pensare che la loro funzione sia meramente […]

I baffi dei gatti, chiamati vibrisse, forniscono ai nostri gatti importanti e dettagliate informazioni sui movimenti dell’aria, della pressione atmosferica e delle cose che toccano…

 

Le vibrisse dei gatti, comunemente note come baffi, sono quei lunghi e rigidi peli che spuntano dalle guance del felino. Alcuni potrebbero pensare che la loro funzione sia meramente estetica, ma in realtà non è affatto così: le vibrisse sono infatti fondamentali per la sopravvivenza stessa dell’amico a quattro zampe, in quanto servono come dei radar con cui il gatto esplora e gestisce l’ambiente circostante.

 

Come fanno le vibrisse a prendere informazioni dall’ambiente?

Ad ogni movimento dell’aria, dal più impercettibile fino al vero e proprio vento, i baffi dei gatti vibrano e i gatti utilizzano i messaggi trasmessi dalle terminazioni nervose presenti al loro interno per intuire presenza, forma e dimensioni degli ostacoli, senza necessità di doverli vedere o toccare.

Quando sono a riposo le vibrisse permettono poi al felino di carpire informazioni sulla direzione del vento, sull’eventuale presenza di umidità nell’aria e sulle microvibrazioni che provengono dall’ambiente a lui immediatamente circostante. Le vibrisse sono inoltre fondamentali per consentire al micio la scoperta di fessure o tane alla sua portata.

 

Come funzionano le vibrisse del gatto nella caccia?

I baffi dei gatti sono importanti strumenti di caccia: è stato infatti dimostrato che un gatto che abbia i baffi danneggiati può mordere il topo dalla parte sbagliata del corpo, permettendone la fuga. Questo significa che le vibrisse forniscono ai nostri mici importanti informazioni su forma e movimenti della preda.

 

Quante sono le vibrisse dei gatti?

Ogni gatto possiede circa 24 vibrisse mobili, dodici per ogni lato del muso, disposte su quattro file orizzontali e semi indipendenti le une dalle altre: le due file in alto si muovono, infatti, indipendentemente rispetto alle due file in basso. Le vibrisse sono spesse il doppio dei normali peli e con radici poste tre volte più in profondità rispetto a questi ultimi, per aumentare la trasmissione degli impulsi nervosi: sono infatti particolarmente irrorate dai vasi sanguigni e dotate di terminazioni nervose.

 

Un consiglio… Le vibrisse sono veri e propri organi. Indispensabili. Una raccomandazione: non spuntate mai i baffi al vostro gatto, perché gli sono fondamentali per trovare la strada al buio, per identificare le diverse parti del corpo di una preda appena catturata, per capire come entrare o uscire da un passaggio angusto, ma anche per mantenersi in equilibrio!

 

Linguaggio dei gatti: come decifrare le loro espressioni facciali

gatti sanno comunicare in un modo complesso e articolato. Per farlo, non usano solo la voce ma anche, anzi soprattutto, il linguaggio del corpo. Per capirlo è quindi fondamentale conoscerne gli atteggiamenti corporei e, in particolare, la mimicafacciale. La direzione delle vibrisse, delle orecchie, l’espressione degli occhi, sono quindi di primaria importanza…

 

Approfondimento: Purina One