22 giugno 2018

pubblicato da: Redazione PetPassion

Un villaggio dedicato ai gatti? Nel borgo di Kichijoji Petit Mura i mici sono i padroni assoluti, mentre i visitatori sono gli ospiti.

I giapponesi sono conosciuti per il loro profondo amore per i gatti, tanto che gli hanno dedicato un intero borgo

 

I giapponesi sono fra gli amanti dei gatti più conosciuti al mondo. E a dimostrazione di questa loro forte passione per il mondo dei felini hanno creato il Kichijoji Petit Mura, un vero e proprio villaggio a misura di gatto. Questo borgo si trova a Tokyo e rappresenta un’oasi naturale per gli amici a quattro zampe, visitabile anche dall’uomo ad alcune condizioni.

 

Un villaggio interamente dedicato ai gatti

Nel villaggio di Kichijoji Petit Mura di Tokyo il gatto è il padrone assoluto e il suo benessere viene messo al primo posto. I mici sono infatti liberi di muoversi dove preferiscono all’interno del borgo e hanno a disposizione ambienti a loro misura. Il villaggio di Kichijoji Petit Mura ha al suo interno bar, ristoranti, gallerie d’arte e negozi a tema gatto. Il borgo è accessibile anche all’uomo, perché i mici sono abituati alla sua presenza.

Il villaggio ha già attirato un gran numero di visitatori, in particolare l’attrazione principale del castello di Temari no Oshiro, il cui design interno richiama il mondo delle fiabe. Visto il considerevole successo, per poter visitare il villaggio di Kichijoji Petit Mura è necessario prenotare con largo anticipo. Per entrare il costo del biglietto è di 1.200 yen nei giorni feriali (circa 9 euro) e 1.600 yen (circa 12 euro) nei giorni festivi. Una particolarità è la visita notturna del borgo, che costa 700 yen, corrispondenti a circa 5 euro.

 

Ci sono però anche delle regole da rispettare per garantire il benessere dei mici all’interno del villaggio di Kichijoji Petit Mura. In particolare, si possono scattare fotografie ai mici ma senza flash e è vietato dare da mangiare e prendere in braccio i gatti. Il villaggio di Kichijoji Petit Mura è il luogo ideale per fuggire dalla routine e rifugiarsi in un magico mondo dove essere circondati solo da miagolii e fusa dei nostri amici a quattro zampe.

 

 

Fonte: repubblica.it