12 marzo 2019

categoria: Salute animali, Slider

pubblicato da: PetPassion Redazione

Come guarire la perdita del pelo e il prurito nel cane.

Se il tuo cane perde pelo sul muso o dopo il bagno, le cause posso essere diverse e bisogna scoprirle il prima possibile.

La perdita del pelo nel cane è una problematica molto diffusa, se però è associata a prurito può essere il sintomo di una malattia da non sottovalutare. A volte non è sufficiente prendersi cura del pelo del cane, perché ci sono delle patologie che si manifestano proprio con perdita del pelo e prurito.

 

Differenza tra muta e perdita del pelo a chiazze

Innanzitutto bisogna fare una importante distinzione tra la perdita del pelo collegata alla muta del pelo del cane e la perdita come sintomo di una patologia più importante. È abbastanza semplice capire di cosa si tratta: se il cane perde il pelo in maniera omogenea, su tutto il corpo e solo in certi periodi dell’anno, si tratta indubbiamente della muta stagionale, un fenomeno del tutto normale che colpisce molti cani di razza. I peli che cadono sono vecchi e danneggiati e vengono subito sostituiti da peli nuovi e più resistenti, pertanto il cane non soffre di questo cambiamento che, anzi, può essere agevolato con spazzolature frequenti, così da eliminare più facilmente il pelo vecchio.

Se invece il cane perde il pelo a chiazze, in zone particolari del corpo come il muso, mostrando evidenti segni di alopecia, allora si è davanti al sintomo di un problema più grave, che va risolto il prima possibile.
La prima cosa da fare è rivolgersi al proprio veterinario di fiducia, così da individuare quale patologia si nasconde dietro questo stato di malessere. A seguire analizziamo in linea generale le problematiche principali che possono indurre al prurito e alla perdita del pelo, che però vanno approfondite in maniera più dettagliate con l’aiuto di un esperto.

 

Principali cause della perdita del pelo nel cane

Quando il cane si gratta in maniera insistente, arrivando nei casi più gravi a mordersi la parte interessata, significa che il prurito che sta provando è molto forte e bisogna intervenire subito.
Se si esclude la muta stagionale, la principale causa di perdita di pelo a chiazze nel cane è la presenza di una dermatite, termine generico con cui si intende l’irritazione di una zona circoscritta della pelle del cane. I sintomi sono: arrossamento, forte prurito e dolore, forfora e, nei casi più gravi, formazione di croste sulla pelle. Le cause della dermatite possono essere diverse, a seguire si elencano le principali:

  • Intolleranze alimentari
    Come gli esseri umani, anche i cani possono sviluppare delle allergie a determinati alimenti. In questo caso, oltre al prurito, possono manifestarsi anche vomito e diarrea, che facilmente aiuteranno il veterinario a riconoscere questa causa e intervenire modificando l’alimentazione del cane
  • Insetti o parassiti
    La presenza di parassiti nel pelo del cane può indurre ad un prurito tale per cui il cane può arrivare a perdere il pelo in determinate parti del corpo; in particolare, la puntura di una pulce può essere molto fastidiosa per l’animale, se non si interviene in tempo.
  • Disfunzioni ormonali
    In alcuni casi i problemi di pelle nel cane possono essere causati da ipotiroidismo, una condizione molto comune nei cani, specie se in età adulta o avanzata. Si tratta di una disfunzione ormonale che può essere risolta attraverso la somministrazione di un farmaco che vada a bilanciare il lavoro della tiroide.

Rimedi per alleviare il prurito nel cane

Come già detto, le cause del prurito possono essere molto diverse tra loro e solo individuando quella corretta con l’aiuto del veterinario, si può trovare anche il giusto rimedio. L’unica cosa che è possibile fare se non si conoscono alcune le motivazioni alla base della perdita del pelo del cane, è intervenire per via topica con prodotti naturali, per cercare di ridurre il prurito. Il consiglio è di fare un bel bagno tiepido all’animale, perché l’acqua allevia il fastidio, e quindi usare prodotti naturali calmanti, come la camomilla o la calendula, che hanno effetti addolcenti e calmanti sulla parte interessata. Appena possibile però, è necessario recarsi dal veterinario per ricevere la diagnosi corretta e la relativa cura adeguata.

 

Come prendersi cura di un cane di piccola taglia

I cani di piccola taglia sono perfetti cani da compagnia, grazie alle loro dimensioni ridotte (non superano i 10 kg) e alla loro indole allegra e simpatica. In una struttura corporea così ridotta concentrano tutta l’energia dei quattrozampe più grandi.

>> Leggi l’approfondimento

 

Foto: Shutterstock

Approfondimento: Purina