24 giugno 2020

pubblicato da: PetPassion Redazione

Vivere con un gatto in appartamento si può, ecco come!

Pappa, lettiera, cuccia e poi? Ecco cosa non deve mancare al gatto che vive in appartamento insieme a noi.

Vivere con un gatto in appartamento o in una grande casa è un’esperienza meravigliosa. L’amore che i nostri amici a quattro zampe sono in grado di darci è incondizionato e impagabile.

Per ricambiarli almeno un po’ di quello che fanno per noi, possiamo imparare a prenderci cura di loro nel migliore dei modi e in tutti gli ambiti della vita, dall’alimentazione, alle esigenze specifiche, dagli esercizi da fare con il micio fino alla suddivisione degli spazi in cui viviamo.

Questo aspetto è particolarmente importante quando si vive con un gatto in appartamento. Infatti, bisognerà organizzare le stanze in modo pratico e funzionale sia per noi che per il felino. Inizialmente può non essere semplice trovare la giusta sintonia, ma con il tempo, imparando a conoscere le abitudini l’uno dell’altra, sarà tutto più semplice.

 

Cosa serve per un gatto in appartamento

Spesso si ha l’idea che se il gatto vive in un appartamento possa sentirsi “stretto”. In realtà, se l’animale viene abituato fin da cucciolo non avrà problemi a adattarsi.

Ma vediamo insieme di cosa necessita:

  • un’area per il cibo con almeno due ciotole per croccantini e acqua, quest’ultima deve sempre essere riempita con acqua fresca in modo che il gatto possa rinfrescarsi quando vuole;
  • una lettiera, da posizionare lontano dalla zona cibo, dove possa sentirsi a proprio agio e fare i suoi bisogni. Ricorda che la pulizia della lettiera deve essere molto accurata altrimenti l’animale potrebbe non usarla e sporcare nelle vicinanze;
  • uno spazio per dormire, con il tempo capirai dove preferisce dormire il tuo micio, nel frattempo, prepara per lui cucce, cuscini e coperte in modo che si possa posizionare dove si sente più comodo;
  • un tiragraffi o degli oggetti con cui il micio può affilarsi le unghie in modo che si diverta con questi e… non con il divano!

 

Il gatto in appartamento avrà bisogno di molti stimoli che possano permettergli di fare esperienze e conoscere l’ambiente: scatole, palline e topolini finti potranno essere per lui un valido aiuto. Ovviamente, affiancati dal gioco insieme con il proprietario, che permetterà anche di rafforzare il rapporto che li lega, e da stimoli visivi e uditivi diversi per socializzare con ciò che lo circonda.

 

Come tenere un gatto in appartamento

Per una vita serena insieme al tuo micio in appartamento ricorda che i gatti amano molto la routine sia nelle attività sia negli ambienti di casa, cambiare spesso la disposizione dei suoi oggetti o dei mobili, potrebbe destabilizzarlo e causargli stress. Quindi, per quanto possibile, ti consigliamo di limitare gli spostamenti in modo che il gatto in appartamento si stenta sicuro all’interno del suo territorio.

Non trascurare, inoltre, la sicurezza del tuo gattino negli ambienti domestici:

  • verifica che non ci siano cavi sparsi sul pavimento;
  • tieni fuori dalla sua portata tutto ciò che potrebbe essere pericoloso, come attrezzi o piccoli oggetti, con i quali potrebbe tagliarsi o che potrebbe ingerire;
  • fai attenzione alle piante presenti in casa e assicurati che non siano velenose per il gatto, come ad esempio, la Stella di Natale che produce una sostanza nociva e urticante.

 

Ci sono delle razze di gatto da appartamento?

Il gatto è un animale meraviglioso anche per la sua incredibile capacità di adattamento, ma esistono alcune razze di gatto che, più di altre, vivono a loro agio fra le mura di casa. Quali? Il Ragdoll prima di tutte, e poi il Certosino, il persiano e anche il siamese.

 

Foto: iStock

Approfondimento: Purina ONE