25 novembre 2019

pubblicato da: PetPassion Redazione

Passeggiate con il cane, come farle nel modo corretto

Come fare passeggiate con il cane che siano costruttive per l’amico a quattro zampe e il proprietario? Ecco i consigli utili.

 

Le passeggiate con il cane sono uno dei momenti più importanti della giornata non solo per l’amico a quattro zampe ma anche per il proprietario. In queste occasioni, infatti, il cane è libero di fare i bisogni, sfogare le energie e stringere nuove amicizie, ma allo stesso tempo viene rafforzato il legame con l’uomo. Ecco alcuni consigli per sapere come passeggiare con il cane nel modo corretto.

 

Come passeggiare con il cane? Il ritmo

Un primo elemento fondamentale da conoscere per sapere come passeggiare con il cane è il ritmo. Ogni amico a quattro zampe ha la propria andatura e i propri tempi mentre è in giro con il proprietario. Il ritmo della passeggiata dipende principalmente dall’età dell’animale: un cane anziano avrà bisogno probabilmente di andare con calma, mentre un cane più giovane o di indole attiva potrebbe preferire un’andatura più accelerata. Per far star bene il proprio amico a quattro zampe è fondamentale quindi trovare il più possibile un compromesso fra il suo ritmo e il nostro, cercando in generale di adeguarci ai loro tempi.

 

Quante passeggiate deve fare un cane durante il giorno?

I cani necessitano di un’attività fisica variabile, a seconda della razza ma anche delle caratteristiche fisiche dell’animale e dell’energia che ha a disposizione, fattore strettamente legato all’età. Un livello medio di attività è comunque fondamentale e necessario per tutti gli esemplari. Quindi, quante passeggiate deve fare un cane durante il giorno? Una media di tre passeggiate al giorno della durata di 20-30 minuti può essere considerata il limite minimo per mantenere il tuo amico a quattro zampe attivo e di buon umore.

 

Passeggiata con il cane, l’importanza di esserci

Durante le passeggiate con il cane è importante tenere in considerazione che questi animali sono molto sensibili e si rendono conto subito quando il proprietario è con loro fisicamente ma non mentalmente. Per portare a spasso il cane nel modo corretto e ottimale per lui ma anche per te è quindi bene lasciar perdere SMS e notifiche e concentrare tutta la tua attenzione sul tuo amico a quattro zampe. Ritagliarsi del tempo da dedicare esclusivamente al proprio animale domestico è fondamentale non solo per distrarsi ma anche per rafforzare il legame con lui.

 

Portare a spasso il cane, l’utilizzo del guinzaglio

Fra le regole per la passeggiata con il cane c’è anche l’utilizzo del guinzaglio. È fondamentale guidare con delicatezza l’animale nella sua esplorazione del mondo circostante, fermandosi quando lui vuole annusare qua e là o dove decide di fare i bisogni. Assolutamente da evitare lo strattonamento dell’animale per riportarlo in un posto. Un altro comportamento sconsigliabile è quello di tenere il guinzaglio troppo lungo o troppo corto: nel primo caso, infatti, potresti rischiare di non avere il controllo dell’animale, mentre nel secondo l’amico a quattro zampe si stressa.

 

L’importanza della socializzazione nella passeggiata con il cane

I cani sono animali sociali e questo vuol dire che hanno bisogno di fare esperienze che li inseriscano nella società, sia di umani che di altri animali. Non tutti gli amici a quattro zampe vogliono però socializzare allo stesso modo: per questo motivo durante le passeggiate con il cane è sempre bene tenere sotto controllo il proprio amico a quattro zampe quando si rapporta con un suo simile o con un altro umano. Per capire come passeggiare con il cane nel modo corretto è poi bene dedicare del tempo al gioco mentre siete in giro: giocare è infatti un’esperienza fondamentale, che rinsalda la relazione, fa fare movimento fisico e attiva l’amico a quattro zampe sia emotivamente che cognitivamente.

 

I metodi di addestramento

Per educare un cane esistono diverse tipologie di metodi di addestramento, tutte funzionali a insegnare all’amico a quattro zampe quali sono le “buone maniere” e gli approcci migliori da tenere quando si relaziona con il mondo esterno e con altri simili.

 

Foto: Shutterstock

Approfondimento: Pro Plan