26 marzo 2020

pubblicato da: PetPassion Redazione

Ecco come leggere le etichette degli alimenti per animali

Quali sono i principali elementi che vengono presentati sulle etichette degli alimenti per i pet?

Spesso, leggendo le etichette dei prodotti per animali ci si interroga sul gran numero di informazioni che contengono. Sapere come leggerle e decifrarle aiuta a capire se il cibo che si sta acquistando è ciò che maggiormente si adatta alle esigenze e alle necessità di cane o gatto.

Tipologia e composizione dei petfood

Nella scelta del cibo per cane e gatto è importante valutare diversi aspetti in modo da trovare il giusto cibo che possa soddisfare il loro fabbisogno nutrizionale. I fattori da valutare per l’alimentazione sono età, la taglia ed eventuali esigenze specifiche. Inoltre, si dovrà prestare attenzione a scegliere un alimento completo o complementare.

  • Gli alimenti completi contengono tutti i nutrienti necessari per soddisfare il bisogno giornaliero dell’animale.
  • Gli alimenti complementari vengono dati in aggiunta ad alimenti completi per soddisfare esigenze particolari oppure come premio.

Si dovrà, inoltre, fare una valutazione in base alle materie prime. Nelle etichette del cibo per animali i prodotti sono elencati in ordine decrescente di peso e possono essere dichiarati per categorie (ad esempio: Carni e derivati, Cereali, Ortaggi etc.) o per materie prime (ad esempio: fegato di pollo, carote disidratate, etc.).

 

Petfood: additivi, componenti analitici e razioni giornaliere

Nelle etichette del petfood sono indicati anche altri elementi: gli additivi e i componenti analitici.

  • Gli additivi sono elementi aggiunti al petfood per un determinato scopo che nella maggior parte dei casi può essere nutrizionale, tecnologico o sensoriale. Negli alimenti per animali da compagnia possono essere utilizzati solo gli additivi che sono stati sottoposti a una rigorosa valutazione di sicurezza ed efficacia e che sono stati approvati dall’UE. I più comuni usati per il pet food sono: vitamine, minerali, aromi, conservanti, antiossidanti e coloranti, che vengono classificati in base alla loro funzione.
  • I componenti analitici forniscono informazioni in merito ai parametri nutrizionali dell’alimento in termini di proteine, grassi grezzi, fibre grezze, ceneri grezze e umidità (se maggiore del 14%).

 

Sulle etichette, infine, è presente anche l’indicazione della razione giornaliera consigliata, ovvero della quantità e delle modalità di somministrazione dell’alimento. A seconda delle esigenze nutrizionali e dei bisogni del pet, o di particolari raccomandazioni date dal medico veterinario, potrebbe essere necessario modificare queste razioni così da fornire al cane o al gatto il giusto apporto di energia e nutrienti.

 

Purina e le etichette dei prodotti per animali

L’etichettatura del cibo per animali è normata dal regolamento UE 767/09. Purina ha scelto di non conformarsi solo a tutti i requisiti di etichettatura previsti dalla normativa, ma di applicare anche le indicazioni del Codice di buona pratica di etichettatura Fediaf. La trasparenza nel settore del petfood e la fiducia da parte dei proprietari dei pet negli alimenti industriali sono due elementi fondamentali per Purina e i tutti i suoi marchi.